MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Wilhelm Sasnal

2024.01.25

Testo di Francesca Fontanesi

Saltando tra viste esterne e spazi interni, ritratti personali e foto segnaletiche, insieme a schermi obliqui, veicoli in movimento e autostrade estese, le opere di Wilhelm Sasnal affrontano la natura transitoria delle persone e delle cose. Nella mostra alla Sadie Coles HQ di Londra, ogni dipinto evoca un’intenzione chiara dell’artista: cosa significa essere sia nel mondo che del mondo? Cosa significa essere sia consumatori che produttori?

Wilhelm Sasnal
Sadie Coles HQ, London
24 January – 16 March 2024

 

Wilhelm Sasnal continua a interrogarsi su cosa sia la pittura in un presente visivamente e artisticamente saturo: nel suo caso, la pittura stessa viene infatti messa al servizio di una lotta esasperata contro la condizione contemporanea di precarietà, instabilità e continuo cambiamento. La mostra presso la Sadie Coles HQ presenta un’accurata selezione di dipinti dell’artista di origine polacche realizzati tra il 2021 e il 2023 senza un’evidente standardizzazione delle dimensioni e del tema delle opere; tuttavia, nel suo insieme, l’esposizione colloca inconfondibilmente lo spettatore non solo in un ambiente geografico, ma anche nel paesaggio mediato dalla tecnologia digitale, dai cicli di produzione e dallo sciame generale di notizie derivante dai mass media. I dipinti di Sasnal non solo raffigurano l’ambivalenza della realtà, ma ci invitano a considerare il nostro posto al suo interno.

Wilhelm Sasnal, Downtown Airport, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.

Sasnal utilizza regolarmente immagini fotografiche tratte da film, mostre, poster o dagli scatti del suo stesso telefono come punto di partenza per i suoi dipinti, che subiscono poi vari livelli di distorsione o di astrazione. Poiché il suo lavoro affronta spesso temi storici di grande peso, come l’Olocausto, o le condizioni della Polonia post-Comunista, i dipinti di Sasnal rifiutano volontariamente l’idea di una rappresentazione reale e abbracciano la soggettività e la posizione riflessa del segno del pittore. Una recinzione a maglie aleggia in modo innaturale di fronte a un’immensa massa d’acqua; la pesante materialità della catena è resa su tela e allo stesso tempo sospesa su tutti i lati e scollegata dal suolo, ostacolando la nostra vista. L’effetto dell’impossibilità fisica è privilegiato rispetto alla sua vera rappresentazione, avvicinando lo spettatore sempre di più a una sensazione immaginaria della scena. Qui, la distinzione tra una superficie pittorica come piano di interazioni affettive e la superficie come cornice entro cui vedere il mondo, si confonde.

Wilhelm Sasnal, Untitled, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.

Questo introduce una separazione tra lo spettatore e la scena rappresentata, eppure, facendolo, la sensazione di distanza e di isolamento è messa in primo piano e diventa il soggetto stesso dell’opera. L’immagine di recinzioni, limiticonfini si estende in tutta la sua produzione, principalmente nei dipinti ambientati a Los Angeles, continuando una più ampia serie di opere di Sasnal basate sul suo tempo trascorso nel suo studio in città. In modo inequivocabile, il muro graffitato con la scritta LA IS NOT SAFE introduce il tema della violenza e dell’agitazione in un luogo turisticamente descritto come scintillante e sicuro. Altrove, sulla rappresentazione iper-realistica di un’interazione tra due esseri umani per strada, una singola linea continua e intrecciata di vernice blu, simile a uno scarabocchio, ostacola la scena. L’intervento astratto ci porta fuori dalla modalità di osservatore passivo, minando la possibilità di utilizzare lo sguardo neutro del documentarista.

Wilhelm Sasnal, Untitled, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.
Wilhelm Sasnal, Elysian Park, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.
Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.