MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Wilhelm Sasnal

2024.01.25

Testo di Francesca Fontanesi

Saltando tra viste esterne e spazi interni, ritratti personali e foto segnaletiche, insieme a schermi obliqui, veicoli in movimento e autostrade estese, le opere di Wilhelm Sasnal affrontano la natura transitoria delle persone e delle cose. Nella mostra alla Sadie Coles HQ di Londra, ogni dipinto evoca un’intenzione chiara dell’artista: cosa significa essere sia nel mondo che del mondo? Cosa significa essere sia consumatori che produttori?

Wilhelm Sasnal
Sadie Coles HQ, London
24 January – 16 March 2024

 

Wilhelm Sasnal continua a interrogarsi su cosa sia la pittura in un presente visivamente e artisticamente saturo: nel suo caso, la pittura stessa viene infatti messa al servizio di una lotta esasperata contro la condizione contemporanea di precarietà, instabilità e continuo cambiamento. La mostra presso la Sadie Coles HQ presenta un’accurata selezione di dipinti dell’artista di origine polacche realizzati tra il 2021 e il 2023 senza un’evidente standardizzazione delle dimensioni e del tema delle opere; tuttavia, nel suo insieme, l’esposizione colloca inconfondibilmente lo spettatore non solo in un ambiente geografico, ma anche nel paesaggio mediato dalla tecnologia digitale, dai cicli di produzione e dallo sciame generale di notizie derivante dai mass media. I dipinti di Sasnal non solo raffigurano l’ambivalenza della realtà, ma ci invitano a considerare il nostro posto al suo interno.

Wilhelm Sasnal, Downtown Airport, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.

Sasnal utilizza regolarmente immagini fotografiche tratte da film, mostre, poster o dagli scatti del suo stesso telefono come punto di partenza per i suoi dipinti, che subiscono poi vari livelli di distorsione o di astrazione. Poiché il suo lavoro affronta spesso temi storici di grande peso, come l’Olocausto, o le condizioni della Polonia post-Comunista, i dipinti di Sasnal rifiutano volontariamente l’idea di una rappresentazione reale e abbracciano la soggettività e la posizione riflessa del segno del pittore. Una recinzione a maglie aleggia in modo innaturale di fronte a un’immensa massa d’acqua; la pesante materialità della catena è resa su tela e allo stesso tempo sospesa su tutti i lati e scollegata dal suolo, ostacolando la nostra vista. L’effetto dell’impossibilità fisica è privilegiato rispetto alla sua vera rappresentazione, avvicinando lo spettatore sempre di più a una sensazione immaginaria della scena. Qui, la distinzione tra una superficie pittorica come piano di interazioni affettive e la superficie come cornice entro cui vedere il mondo, si confonde.

Wilhelm Sasnal, Untitled, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.

Questo introduce una separazione tra lo spettatore e la scena rappresentata, eppure, facendolo, la sensazione di distanza e di isolamento è messa in primo piano e diventa il soggetto stesso dell’opera. L’immagine di recinzioni, limiticonfini si estende in tutta la sua produzione, principalmente nei dipinti ambientati a Los Angeles, continuando una più ampia serie di opere di Sasnal basate sul suo tempo trascorso nel suo studio in città. In modo inequivocabile, il muro graffitato con la scritta LA IS NOT SAFE introduce il tema della violenza e dell’agitazione in un luogo turisticamente descritto come scintillante e sicuro. Altrove, sulla rappresentazione iper-realistica di un’interazione tra due esseri umani per strada, una singola linea continua e intrecciata di vernice blu, simile a uno scarabocchio, ostacola la scena. L’intervento astratto ci porta fuori dalla modalità di osservatore passivo, minando la possibilità di utilizzare lo sguardo neutro del documentarista.

Wilhelm Sasnal, Untitled, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.
Wilhelm Sasnal, Elysian Park, 2023. Courtesy the Artist and Sadie Coles HQ, London. Photo: Katie Morrison.

CULTURE

HOW DIRECTORS DRESS

2024.06.20

How Directors Dress si avvale della filosofia dei vestiti per raccontare nuove ed entusiasmanti storie sui registi, le loro vite, i loro film e i tempi in cui sono stati realizzati.

RUNWAY

PRADA UTOPIA

2024.06.17

Miuccia Prada e Raf Simons presentano la collezione Prada Uomo Primavera/Estate 2025 all’interno del Deposito di Fondazione Prada, intrecciando dettagli surreali e riferimenti alla cultura rave per spingerci a mettere in discussione la contingenza delle percezioni.

PHOTOGRAPHY

OUTDOOR FURNITURE

2024.06.13

Outdoor Furniture è il nuovo libro pubblicato da Art Paper Editions dedicato alla pratica fotografica di Pippa Garner, che da cinquant’anni mette in discussione i limiti dei codici e dei linguaggi ritenuti socialmente accettabili.

NEWS

OCCUPARE LO SPAZIO

2024.06.11

Le opere di Donald Judd saranno in mostra da giugno a settembre in occasione di Art Basel: definite dall’interesse di Judd per i materiali e il colore, sottolineano le qualità intrinseche dei loro componenti e la relazione tra parte e insieme.

EXHIBITION

FIVE WAYS TO SEE

2024.06.10

Attraverso linee chiare e colori solidi, La nuova serie di dipinti di Emily Ludwig Shaffer offre una riflessione su come le donne occupino spazi concreti e simbolici.