MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

A Belmond Train

2024.04.18

Testo di Francesca Fontanesi

Il leggendario Venice Simplon-Orient-Express, A Belmond Train, riscrive la storia con L’Observatoire. Disegnato da JR, sarà presentato in occasione della Biennale di Venezia.

ll Venice Simplon-Orient-Express presenta L’Observatoire, un esclusivo vagone letto con interni ideati e progettati da JR, street artist francese. Questa carrozza privata, la prima ad essere progettata da un’artista, andrà ad arricchire il Venice Simplon-Orient-Express nel 2025 e sarà anche la più spaziosa disponibile a bordo del treno. La passione di JR per le rotaie risale alla sua infanzia ed è stata anche la fonte d’ispirazione più grande per la creazione di L’Observatoire. L’artista si è lasciato influenzare anche dal design del suo studio personale a Parigi, dal fascino delle antiche opere artigianali, dagli osservatori astronomici e dalle camere delle meraviglie, le Wunderkammer, dell’Europa rinascimentale.

JR si è avvicinato a questo progetto a bordo del leggendario Venice Simplon-Orient-Express attirato dalla sua passione per i treni e le opere centenarie. Una passione nata durante l’infanzia e che è evidente in tutta la carriera di JR, a partire dalla sua opera seminale Women Are Heroes (2007), dove aveva incollato i propri occhi, immediatamente riconoscibili, sui tetti e sui lati dei treni che attraversavano lo slum di Kibera a Nairobi, fino a Mind the Gap (2017), un’installazione gigantesca composta da 700 treni in miniatura che rappresentano dei visi riprodotti in loop in un cerchio infinito. Gli interni della carrozza svelano diversi ambienti che lui stesso ha arricchito con una dovizia di dettagli mai vista prima: gli ospiti possono trovare una camera con letto matrimoniale, un bagno privato, un armadio, un divano-letto reclinabile, un’area lounge, una piccola biblioteca con una selezione di libri dell’editore francese Gallimard e una sala da tè segreta con tanto di camino. Viaggiare in questa carrozza significa esplorare mondi fatti di dettagli incredibili, mentre i finestrini arrotondati e il lucernario rotondo rivolto al cielo permettono di ammirare i meravigliosi paesaggi europei che il treno attraversa. Ogni spazio, progettato con il massimo rispetto per le arti senza tempo, cela dettagli nascosti curati da JR per stuzzicare la curiosità e l’immaginazione, da scomparti nascosti a messaggi segreti celati in sofisticati intarsi. Gli ospiti potranno scoprire le meraviglie de L’Observatoire mentre attraversano il continente a bordo del Venice Simplon-Orient-Express.

“L’Observatoire permette di entrare nel mio mondo fantastico. Ho iniziato a immaginare il vagone partendo dalle forme, con angoli curvi e finestrini rotondi, per offrire agli ospiti un luogo privato in cui sognare a occhi aperti”.

– JR

Il Venice Simplon-Orient-Express è composto da 17 carrozze, costruite negli anni ‘20 e ‘30 del secolo scorso. A quell’epoca, venivano decorate dai più famosi designer ed esponenti del movimento Art Déco, come René Prou e René Lalique, che crearono l’iconica lampada tulipano e i pannelli in vetro della carrozza ristorante Côte d’Azur. Quasi un secolo dopo, il Venice Simplon-Orient-Express ha chiesto a un artista di grande fama come JR di infondere nuova vita a una delle sue carrozze originali, la Sleeping Car 3553, attraverso un meticoloso intervento di restauro degli interni. Il compito perfetto per un vero visionario come JR che ha fatto uso di tecniche artigianali centenarie per conservare l’aspetto e il fascino del treno. Al contempo, è riuscito a creare qualcosa di potente e immersivo, un’opera d’arte in movimento che invita gli ospiti ad abbandonarsi completamente all’osservazione, all’ascolto, all’avventura e alla curiosità – tutti fondamenti chiave dell’universo dell’artista.

 

 

 

Non avrei mai immaginato di ricevere questa proposta di collaborazione, perché il Venice Simplon-Orient-Express è un treno davvero storico. Lavorare con gli artigiani e scoprire motivi che rispettano il periodo [nel quale le carrozze del treno sono state costruite] non è stato un limite, perché volevo realizzare un’opera d’arte senza tempo, come se fossi un artista degli anni ‘20 del secolo scorso. La vera arte è intramontabile.

“Da bambino, sedevo al finestrino e guardavo il mondo passare davanti a me. Guardare il paesaggio che cambia dalla tua bolla personale è come viaggiare in mondi diversi”.

– JR

Dal 17 al 19 aprile, L’Observatoire sarà esposto in Fondamenta San Giovanni e aperto al pubblico dalle 14:00 alle 17:00.
Dal 20 al 22 aprile a Riva Dei Sette Martiri e sarà aperto al pubblico dalle 11:00 alle 18:00.

 

Per maggiori informazioni belmond.com.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.

EXHIBITION

TESTAMENT TO YOUTH

2024.04.29

Dopo aver studiato presso l’Accademia degli Antwerp Six, Willy Vanderperre intraprende la carriera di fotografo. Da Raf Simons e Dior fino a Jil Sander e Prada, il fotografo belga ha costruito da una rigida educazione religiosa e della solitudine adolescenziale il motore della propria sfera creativa.