MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Emotional Volume

2023.11.07

La White Cube di New York presenta Lovers Grave, una mostra di Tracey Emin che affronta il dualismo tra amore e mortalità, tra fragilità e sentimento. L’artista torna in America con una profonda e radicale visione sul tema dell’intimità.

Erano gli anni ’90 quando a Londra stava emergendo con forza, in un gruppo noto come Young British Artists, l’artista Tracey Emin. A quel tempo era solita girare per le strade della città inglese con una grande borsa piena di blocchi di schizzi, confezioni di Marlboro Lights, birre Stella Artois e brandy. Le prime installazioni che l’hanno portata nell’immaginario pubblico come una tra le più influenti artiste visive sono state Everyone I Have Ever Slept With (1963-1995), una tenda all’interno della quale aveva ricamato i 102 nomi di amanti, familiari e due feti abortiti numerati – parte dello spettacolo seminale Sensation del 1997 a Londra – e My Bed (1998), una ricreazione della sua vita dopo un crollo psicologico post-rottura, completa di lenzuola sporche, bottiglie di vodka vuote e biancheria intima spalmata di sangue mestruale. Il suo corpo nel corso della sua pratica è stato testato in tutte le sfaccettature emotive e affettive. Emin torna a New York dopo sette anni con Lovers Grave (letteralmente, tomba degli amanti) alla White Cube, l’interessante galleria di Londra che la rappresenta aprirà questa volta sulla Madison Avenue.

©Tracey Emin.

“Il bello della parola arte è che arte è una parola come amore, Dio o altro. Trascende così tante cose.”

– Tracey Emin

Tracey Emin, There was nothing wrong with Loving you, 2022.
Tracey Emin, Yes I miss You, 2023.
Tracey Emin, There was no Right way, 2022.
Tracey Emin, We died Again 2023.

La mostra presenta 26 opere, che vanno da enormi tele raffiguranti coppie in preda all’amore, a quadri più piccoli e striati di figure allineate davanti a lapidi, a un busto di Nefertiti, l’antica regina egizia. L’artista presenta nuove domande sul tema dell’intimità: cosa significa morire tra le braccia di qualcuno che ami? Immagini che riportano alla mente i resti delle coppie immortalate nella famosa eruzione di Pompei. Il lavoro di Emin orbita sempre sull’esplorazione di se stessa, in tutte le sue incarnazioni tristi, voluttuose, selvagge e furiose. Il corpo è campo di sperimentazione e di indagine verso i temi dell’affettività; è il materiale di partenza da dove attingere per comprendere il mondo. I temi dell’amore, del desiderio, della perdita e del dolore in Lovers Grave non sono solo raccontati per creare opere disarmanti e spudoratamente emotive, ma sono una vera e propria manifestazione extracorporea. Se, infatti, la pratica di Emin ha sempre spaziato dal disegno alla pittura, al cinema, alla fotografia, al cucito, alla scultura, al neon e alla scrittura, negli ultimi anni si è concentrata maggiormente sulla pittura, a causa di una malattia potenzialmente letale che ha colpito nel profondo la vita dell’artista, producendo un forte impatto anche sulla sua visione artistica.

Tracey Emin, The End of Her, 2023. Acrylic on canvas. ©Tracey Emin.

“Tutto il mio corpo desidera essere abbracciato. Desidero disperatamente di amare ed essere amata. Voglio che la mia mente fluttui in quella di qualcun altro. Voglio essere liberata dalla disperazione grazie all’amore che provo per qualcun altro. Voglio essere fisicamente parte di qualcun altro. Voglio essere unita. Voglio essere aperta e libera di esplorare ogni parte dell’altro, come se stessi esplorando me stessa.”

– Tracey Emin

Il concetto di Lovers Grave trae origine da immagini di siti archeologici, resti umani che si stringono l’uno all’altro, apparentemente chiusi in un eterno abbraccio amoroso. Il concetto che affascina Emin è quello di devozione eterna tra due persone, anche nell’aldilà, e lo considera uno degli elementi fondamentali della vita. Il tema della resurrezione ha una particolare risonanza nel corpus di lavoro di Emin: il dipinto The Beggining and The end of Everything (2023), dove una figura femminile giace all’interno di una forma poco delineata può essere letta contemporaneamente come un letto, una tomba poco profonda o una vasta topografia di segni. Il motivo de La Morte e la fanciulla, in cui la personificazione della fine si confronta con la vitalità della vita, è un tema prevalente in tutte le opere. In Is Nothing Sacred (2023), la figura supina giace in atteggiamento di supplica, testimoniata da una presenza oscura nella stanza che, per l’artista, è un’apparizione reale. I temi dell’amore tumultuoso si manifestano in opere come There was no Right way (2022), dove gesti vigorosi mettono a nudo i contorni del corpo prima di scomparire in un paesaggio astratto. Piccoli dettagli autobiografici fanno la loro comparsa nell’esibizione come se fossero una costellazione, come in Another World (2023): un busto della principessa egiziana Nefertiti seduto in cima a un mobile nella camera da letto dell’artista o il disegno geometrico di un tappeto persiano. In I went home (2023), Tracey Emin, ci parla ancora della sua vita, presentandoci Margate, la nuova città dove l’artista ha scelto di spostarsi da un anno e dove tutti i suoi progetti di vita si stanno realizzando, tra cui la sua Fondazione Tracey Emin che si dedica a residenze per artisti.

Tracey Emin, Dreaming of Another World, 2022. Acrylic on canvas. ©Tracey Emin.
Tracey Emin, So much Love - So Much Kissing, That I Love Myself, 2023. Acrylic on canvas. ©Tracey Emin.

Per ulteriori informazioni whitecube.com

PHOTOGRAPHY

FRAGILE BEAUTY

2024.05.20

Il Victoria&Albert Museum di Londra presenta più di 300 stampe rare appartenenti a 140 fotografi di fama mondiale. Una grande esposizione fotografica che narra la storia del XX e XXI secolo grazie alla collezione privata di Sir Elton John e David Furnish.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.