MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

RINASCITA MODERNA

2023.05.15

You Should Have Saved Me è un racconto intimo ed un’esperienza introspettiva alla ricerca delle lotte e dei trionfi personali. È il simbolo della rinascita di Tracey Emin.

Come un’arte di rivelazione, la pittura è il riflesso delle esperienze personali di Tracey Emin, descritte attraverso un tratto espressivo, viscerale. La tela si trasforma nel racconto dei suoi stati emotivi con i quali l’artista può confrontarsi con la vulnerabilità e trovare la speranza che le permette di fronteggiare le avversità. You Should Have Saved Me è la rappresentazione di recenti lotte personali che Tracey combatte con se stessa, e di trionfi raggiunti facendo pace con il proprio corpo: è una vera e propria esplorazione dei sentimenti e del modo di affrontare gli ostacoli che che ci sorprendono durante il corso della vita. Il suo lavoro è estremamente intimo, ma al tempo stesso universale perché attinge a temi fondamentali che toccano ognuno di noi, tra cui quello dell’amore, del desiderio, della perdita e della salvezza, svelando un lato celato e profondo della sua persona.

TRACEY EMIN, FRON ANOTHER LIFE, 2022. ACRYLIC ON CANVAS, 25.5 x 30.5 cm / 10 x 12 in.

La cruda realtà da lei rappresentata riesce a intimidire l’osservatore, che prova quasi un senso di dolore nel cercare di comprendere l’artista: “La cosa più bella è l’onestà, anche se è molto dolorosa da guardare.” I lavori esposti nella galleria Lorcan O’Neill di Roma appaiono come opere d’arte autobiografiche e confessionali, come pensieri sfusi che si animano quando toccano la superficie della tela, come un modo puro e sincero di sfogarsi. Dopo il superamento di una lunga malattia, Tracey Emin inizia ad essere felice e ad apprezzare la vita, guardando il mondo con occhi diversi, pieni di gioia. You Should Have Saved Me segna un momento importante come simbolo della sua rinascita, interiore ed esteriore: si sente pronta ad affrontare una nuova fase della sua esistenza, esplorando una parte di se stessa ancora sconosciuta, e tutto questo solamente grazie al potere salvifico dell’arte.

La nuova mostra a Roma offre ai suoi visitatori una finestra sulle recenti lotte e sui trionfi personali dell’artista.

TRACEY EMIN, JUST I LOVE YOU, 2022. ACRYLIC ON CANVAS, 182 x 214 cm / 71.5 x 84in.

Le opere sono l’immagine di un intenso dialogo con il profondo della sua anima che nasce direttamente dalle ferite causate dalla guerra interna che ha dovuto affrontare, racchiudendo al loro interno sforzo, coraggio e violenza. Emin si spoglia dei suoi dolori e ci fa conoscere il suo racconto che mette in primo piano il corpo come battaglia: le linee gestuali ed espressive sono l’incontro di episodi di euforia alternati ad altri di dolore, nei quali si scorgono momenti di intimità sessuale. Nell’ordine caotico delle sue tele, si delinea la presenza di figure nude che esprimono un tumulto emotivo, un bisogno di liberare nuove emozioni, mentre il colore colato sembra la rappresentazione di qualcosa che piano piano se ne sta andando, forse come l’infelicità dell’artista stessa. Tracey Emin ci permette di entrare nel suo mondo abbracciando la sua sincerità e il suo carattere puro, condividendo, con noi che osserviamo, gli aspetti più intimi della sua vita e il modo in cui affronta quest’ultimi.

TRACEY EMIN, YOU MADE A HOLE INSIDE ME, 2022. ACRYLIC ON CANVAS, 182 x 214 cm / 71.5 x 84 in.

La linea decisa che attraversa il quadro ha le sembianze di una forte emozione che colpisce l’anima del pubblico, permettendogli di comprendere fino in fondo i dolori e le gioie che prova l’artista. Quando la tua vita sembra essere persa, rispondere alla domanda “come stai?” non è più così banale: l’arte per Tracey è stato il modo di sopravvivere e di uscire indenne da questo doloroso periodo che ha determinato gli ultimi anni della sua esperienza. Lei invita il pubblico a confrontarsi con le proprie vulnerabilità, imparando ad ascoltare i bisogni del proprio corpo per utilizzare quest’ultimo contro le avversità. You Should Have Saved Me è una rinascita, è una raccolta di sentimenti contrastanti che hanno riportato l’artista a sognare ad occhi aperti ed apprezzare la vita. 

“Quando si passa dall’altra parte si apprezza davvero la vita. Vedi il mondo intero in modo diverso, ed è una specie di dono. Sembra banale ma è come rinascere, davvero.”

– Tracey Emin

TRACEY EMIN, WAITING FOR YOU TO COME HOME, 2022. ACRYLIC ON CANVAS, 20 x 20 cm / 8 x 8 in.

CINEMA

LONG LIVE KEVIN COSTNER

2024.05.27

Kevin Costner torna al cinema con Horizon, pensato e immaginato dal regista per la prima volta nel 1988. Presentato a Cannes, il film è un pellegrinaggio emotivo attraverso il lungo e complesso periodo di espansione e insediamento del West americano, prima e dopo la Guerra Civile.

EXHIBITION

MINERAL FUSION

2024.05.24

La mostra Superstones rappresenta un’audace esplorazione di Giovanni Raspini nel mondo della gioielleria contemporanea. Ogni creazione, dalle collane agli anelli, celebra la bellezza intrinseca e l’unicità dei minerali, esaltando il valore scientifico ed emozionale delle pietre.

PARTHENOPE

2024.05.23

Parthenope, in concorso al Festival di Cannes, racconta il sacro e l’intimo delle prime esperienze e dei primi amori – uno puro e luminoso, l’altro sordido e indicibile – nell’ultimo capolavoro di Paolo Sorrentino.

MIU MIU

MIU MIU TAKES CANNES

2024.05.22

In occasione della 77esima edizione del Festival di Cannes, il 21 maggio Miu Miu ha ospitato un pranzo e un’esperienza Summer Club insieme a Cara Delevingne presso l’Ecrin Plage, un’oasi nascosta nata a Cannes nel 2003.

NEWS

OPERE PRIME

2024.05.21

Negli spazi di Armani/Silos, Giorgio Armani promuove una selezione mirata dei titoli d’esordio di cinque giovani registi italiani capaci di offrire uno spaccato intenso ed espressivo della cinematografia contemporanea.