MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

SAUT HERMÈS

2024.03.19

Testo di Francesca Fontanesi

Per tre giorni Parigi vibra al ritmo del Saut Hermès. All’interno del Grand Palais Éphémère, chef de piste, artigiani e cavalieri si dedicano ai cavalli, fonte d’ispirazione della Maison.

Dalle scuderie alla pista, il Saut Hermès vibra al ritmo dei cavalli. Ovunque si svolga, riflette la stessa realtà e crea la stessa magia: un cavallo che cammina su una superficie di terra, paglia e letame è ora un individuo concreto e pragmatico. Obbedisce alle istruzioni del cavaliere, come gli hanno insegnato le molte ore di addestramento. Le sue azioni sono state esercitate più e più volte. Ci sono stati sì aggiustamenti, ma anche modifiche e piccoli miglioramenti. A cosa serve tutto questo? Per un salto, poi per un altro salto e magari per un velocissimo giro netto. Ci vogliono pazienza e duro lavoro per avvicinarsi alla perfezione. Oltre all’amore per i cavalli – che da sempre lega la Maison a questo evento – la pratica, l’allenamento, l’esperienza, l’attenzione ai dettagli e il rischio insito in ogni creazione sono tutti valori che riecheggiano quelli di Hermès. Ogni componente della Maison si impegna ogni giorno per perseguire al meglio questo sogno di maestria, spesso con un commovente senso di gioia, motivo per cui dal 15 al 17 marzo i più importanti cavalieri di salto a ostacoli provenienti da tutto il mondo sono tornati a calpestare l’arena sotto il tetto di legno del Grand Palais Éphémère, nel cuore di Parigi. Ma questa edizione del 2024 sarà anche l’ultima ad essere tenuta qui: l’anno prossimo, il Saut Hermès tornerà dove è nato nel 2010: il Grand Palais, completamente restaurato nel suo splendore originale dopo quattro anni di lavoro. Dieci classi, settantacinque cavalieri internazionali e ancora più cavalli: Hermès ha invitato i parisiens a vivere un’emozionante competizione CSI 5 internazionale nel cuore della città francese, un evento imperdibile nello sport equestre grazie al riunirsi dei migliori cavalieri di salto ostacoli all’ombra della Torre Eiffel per dimostrare il loro talento: calcare l’arena del Saut Hermès nel 2024 riflette, senza alcun dubbio, uno scintillio particolare per tutta l’elite dell’equitazione.

Una coppia entra in scena e il palcoscenico è pronto. Sotto le luci dell’arena, i muscoli si tendono, e il mantello del cavallo luccica, vellutato. Il cavaliere alza un segno distintivo: la coppia si muove e diventa uno, il passo si accelera. Il cavallo guadagna velocità. Galoppo. Mentre si avvicinano all’ostacolo, gli sguardi degli spettatori si dilatano verso una scena più ampia. I loro cuori saltano un battito quando la coppia esegue il primo salto: silenzio. Le teste si girano. Il pubblico trattiene il respiro. Tuono. Gli applausi elettrizzano l’atmosfera. I corpi degli atleti si rilassano. Carezza. Dalle scuderie alle tribune, il profumo dei cavalli evoca gli autentici e potenti odori della natura. Nel paddock, gli spettatori scoprono il lavoro incredibile, la brillante sintonia e la vicinanza che esistono tra uomo e cavallo. Ogni anno, per tre giorni, Hermès invita il pubblico a celebrare l’amore per gli animali che da sempre ispirano la creatività e l’immaginario della Maison: Il Grand Prix 5 è un trionfo di eccellenza sportiva al suo massimo livello, e la stessa gioia accompagna ogni salto riuscito. Con L’allure d’une aventure, la compagnia I Could Never Be A Dancer esalta l’armonia tra uomo e cavallo e invita il pubblico in un viaggio che unisce animali, ballerini e acrobati. Le passeggiate sui pony per principianti offrono ai bambini la possibilità di scoprire l’amicizia naturale che li lega a questi animali, spesso portando a un legame duraturo, forte, sincero, terapeutico. Le dimostrazioni dei sellai introducono il pubblico alla precisione dei loro gesti e alla cura dedicata ad ogni dettaglio, dal taglio alla cucitura. Nel frattempo, nella libreria equestre, parole e conoscenze accendono l’immaginazione.

 

Suspense. Emozioni. Vittorie.

 

La casa, le tribune e l’intera città si muovono al ritmo di questa competizione.

For further information sauthermes.com.

BIENNALE

THE NAUMACHIA BALL

2024.04.22

Sabato 20 aprile si è svolto il Naumachia Ball di Dior a Venezia, un terzo capitolo che segue il grande successo del Ballo del Tiepolo a Palazzo Labia del 2019 e del Ballo dell’Opera al Gran Teatro La Fenice del 2022.

VENICE

JE EST UN AUTRE

2024.04.22

L’Espace Louis Vuitton Venezia ha annunciato l’apertura di una nuova mostra Je Est Un Autre dell’artista francese Ernest Pignon-Ernest, evento collaterale della sessantesima Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia.

DESIGN

A RADICAL THINKER

2024.04.19

La mostra Nice to See You, allestita tra gli spazi della Biblioteca Ambrosiana, è una dei più grandi omaggi alla vita e alla carriera di Gaetano Pesce. A essere esposti sono oggetti dal doppio significato, quello dell’utile e quello del far pensare.

BIENNALE

MATERIALE E IMMATERIALE

2024.04.19

Monte di Pietà, la nuova mostra di Fondazione Prada a Venezia, esplora il concetto di debito come radice della società umana e veicolo primario attraverso cui vengono esercitati il potere politico e quello culturale.

MDW

MORBIDE GEOMETRIE

2024.04.19

Poliform entra in scena attraverso una proposta completa del concetto di spazio, sempre più elegante e ricercato. Jean-Marie Massaud, Emmanuel Gallina e, per la prima volta, Stefano Belingardi Clusoni firmano le principali novità di prodotto.