MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Un tributo al Messico

2022.12.28

Flechazo è la raccolta di scatti di Pia Riverola realizzata come una lettera d’amore al Messico, alla sua cultura e alle sue persone, facendo viaggiare il lettore tra paesaggi sognanti dai colori pastello.

Pia Riverola, fotografa spagnola, si è avvicinata a questo mondo da bambina quando usava la camera per catturare l’ambiente che la circondava, come un modo per preservare i suoi ricordi e la bellezza del suo mondo quotidiano. Il suo avventurarsi in Messico dopo gli studi è stato determinante per la sua carriera: la varietà di paesaggi nuovi, la cultura e lo stile di vita differente hanno alimentato l’interesse nel riportare ciò che vedeva, ritrovandosi a documentare in modo del tutto spontaneo la vita messicana, nella maniera più reale possibile. Le sue fotografie hanno la capacità di prendere per mano l’osservatore e portarlo con sé nel mondo della fotografa attraverso ritratti autentici dai colori pastello. Flechazo è una raccolta di scatti che mostrano i 10 anni di Pia Riverola trascorsi in Messico, dedicando l’intero libro al paese stesso, come fosse una vera e propria dichiarazione d’amore, da qui la scelta del titolo che in italiano significa “amore a prima vista”. Sfogliando le pagine si conosce Pia: i suoi scatti sono come uno specchio attraverso il quale lei scopre se stessa, i suoi pensieri e le sue persone. 

Pia Riverola, Flechazo.

“Il Messico è diventato immediatamente la mia patria, la mia guida e la mia ispirazione. La sua gente e la sua natura si sono prese cura di me in un momento decisivo della mia vita, mi hanno nutrito per diventare me stessa, sia personalmente che professionalmente.”

– Pia Riverola

Pia Riverola, Flechazo.

Flechazo, pubblicato da Homecoming Gallery, trasporta il lettore all’interno di un viaggio nostalgico lungo le destinazioni e gli incontri messicani, catturando in modo dettagliato e romantico la ricca cultura che li contraddistingue, la loro anima ottimista, la natura lussureggiante e la flora tropicale che li circonda. Che ci si riferisca a ritratti autentici, paesaggi naturali o scene di strada quotidiane, gli scatti di Pia Riverola collettivamente riescono a trasmettere la sua eccellente abilità artistica, l’empatia che prova per i soggetti ritratti e l’amore innato che sente verso il Messico, la sua più grande musa.

“Sono i gesti, i momenti intermedi, le parti a volte nascoste, i rituali del passato ma soprattutto il ritmo della quotidianità a rivelare il cuore e l’anima di una cultura.”

– Pia Riverola

FW24

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.