MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

ENDLESS SUMMER

2024.02.01

Testo di Francesca Fontanesi

La nuova campagna SS24 di Miu Miu racconta una storia di contrasti e immediatezza, di donne in movimento, di borse traboccanti di oggetti quotidiani che abbracciano la complessità del presente. Il racconto è cucito nelle superfici, e lo stile di Miu Miu, irriverente ma consapevole, volge uno sguardo all’esterno e a quei momenti ribelli che si alternano a un’energia soft feminine.

Un senso vivido di bellezza con una nota meravigliosamente reale.

 

 

Il carattere non manca. Un guardaroba prototipico, saldamente ancorato al presente, che comprende costumi da bagno, abbigliamento sportivo, abiti da sera, capi sartoriali in lana leggera e drill di cotone, ricami elaborati, morbida pelle e camoscio. Ma anche gonna a pieghe a vita bassa con cinturoni alti in cuoio che stringono i fianchi, gonne composte da ruches, soprabiti in tessuto damascato dorato, abiti da giorno ricamati con strass, giubbotti, bermuda, culotte e coulisse. Per essere presentati nella nuova campagna Miu Miu SS24 i materiali hanno subito lavaggi e alterazioni di cui portano i segni con orgoglio. I cotoni e i lini chiari vengono trattati in modo da evocare preziosi capi vintage. I ricordi sono tracciati sulle superfici ed impressi nelle cuciture. Alla storia viene dato valore, perpetuandola e imparando da essa. Scopo e funzione vengono sovvertiti. Gli accostamenti sorprendono: uno slip da bagno con un abito da cocktail impreziosito di perline; una maglietta a righe con una gonna di broccato d’oro. Il significato degli abiti crea la sintonia. Lo stile è irriverente ma sempre consapevole, espressione della complessità, della stratificazione e della pluralità del mondo di oggi. Il tempo si trascina lentamente e vola via. Espressioni e gesti mutano. Lo spirito è rivolto all’esterno, ribelle un momento, dolcemente introspettivo quello successivo. A dominare è uno stato d’animo di positività, di gioia – di vite vissute al massimo.

Uno chic solo apparentemente disordinato, fatto di  di lavaggi, strappi, scamosciati e pelli segnate, un’amplificazione del passare del tempo che è espressione di uso precedente, di amore esistente. Non a caso May Andersen, Emma Corrin, Angel Haze, Lexie Liu, Demi Singleton e Cailee Spaeny sono le protagoniste della campagna stampa della nuova collezione Miu Miu Primavera/Estate 2024. Una serie di ritratti grintosi, che spiccano per la loro semplicità e vitalità, immortalati in uno spazio deliberatamente indefinibile. A orientare la storia è il sole di Los Angeles, che proietta ombre con diverse angolazioni seguendo il suo percorso diurno mentre fuori l’oceano spumeggia. Il cast è eterogeneo di attrici, cantanti, modelle in movimento; le borse traboccano di effetti personali, sono un pacchetto completo di lusso e utilità. Stanno per uscire o per rientrare a casa? Stanno andando in spiaggia o stanno tornando? Ciascuna possiede una bellezza particolare, c’è un senso di immediatezza, di fisicità individuale e di padronanza dei propri abiti. Ai paradigmi rigidi si sostituisce un’espansione radicale.

 

Per maggiori informazioni miumiu.com.

CULTURE

HOW DIRECTORS DRESS

2024.06.20

How Directors Dress si avvale della filosofia dei vestiti per raccontare nuove ed entusiasmanti storie sui registi, le loro vite, i loro film e i tempi in cui sono stati realizzati.

RUNWAY

PRADA UTOPIA

2024.06.17

Miuccia Prada e Raf Simons presentano la collezione Prada Uomo Primavera/Estate 2025 all’interno del Deposito di Fondazione Prada, intrecciando dettagli surreali e riferimenti alla cultura rave per spingerci a mettere in discussione la contingenza delle percezioni.

PHOTOGRAPHY

OUTDOOR FURNITURE

2024.06.13

Outdoor Furniture è il nuovo libro pubblicato da Art Paper Editions dedicato alla pratica fotografica di Pippa Garner, che da cinquant’anni mette in discussione i limiti dei codici e dei linguaggi ritenuti socialmente accettabili.

NEWS

OCCUPARE LO SPAZIO

2024.06.11

Le opere di Donald Judd saranno in mostra da giugno a settembre in occasione di Art Basel: definite dall’interesse di Judd per i materiali e il colore, sottolineano le qualità intrinseche dei loro componenti e la relazione tra parte e insieme.

EXHIBITION

FIVE WAYS TO SEE

2024.06.10

Attraverso linee chiare e colori solidi, La nuova serie di dipinti di Emily Ludwig Shaffer offre una riflessione su come le donne occupino spazi concreti e simbolici.