MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

MATADI

2023.04.19

Text by Lucrezia Sgualdino

L’artista e fotografa Janneke van der Hagen presenta il suo nuovo libro Matadi, una combinazione di puro estetismo, forme grafiche e teatralità della fotografia. 

Janneke si lascia ispirare da un luogo storico, una villa all’interno della quale la fotografa scatta il suo nuovo libro. Villa Matadi è una vecchia residenza estiva, divenuta negli anni Trenta luogo di incontro di artisti e scrittori nordici, nonché residenza e studio personale dello scultore svedese Nils Sjögren, i cui lavori riempiono ancora le stanze della casa e gli spazi esterni dell’architettura. All’interno della sala da ballo si ha la possibilità di vivere a pieno molte delle sculture di Sjögren, per lo più sotto forma di frammenti o pezzi rotti di intere opere con cui Janneke è in grado di interagire toccandole, muovendole, manipolandole e spostandole, e riuscendo così a raccontare la bellezza di un istante comune e naturale. Mediante una pratica incentrata sulla rappresentazione scultorea e sensuale del corpo umano, la fotografa scatta delle immagini che appaiono allo stesso tempo monumentali e intime. Questo dualismo viene percepito immediatamente anche da chi osserva e, in modo stimolante, è presente anche nelle forme frammentate delle sculture che circondano la figura, che appaiono tenere, umane ma anche iconiche dell’opera finita, una volta svelata nella sua interezza. Il libro è caratterizzato da dettagli e focus molto stretti intervallati a immagini di nature morte o ritratti che esplorano un elevato stato di osservazione, una ricerca di angoli attenta, che rende il soggetto personale e scultoreo allo stesso tempo. Le stesse pagine specchiate del libro, disegnato da Merel Korteweg, invitano lo spettatore a partecipare attivamente a questo gioco di visione e rivelazione.

MATADI, JANNEKE VAN DER HAGEN, 2023.

Con una pratica incentrata sulla rappresentazione scultorea e sensuale del corpo umano, Janneke realizza immagini che appaiono allo stesso tempo monumentali e intime.

Quello che emerge dalla fotografia della van Der Hagen è la combinazione e associazione di elementi documentaristici e artistici ad aspetti artefatti, con l’obiettivo di creare delle immagini che raccontino una storia. Lo stile della sua fotografia è intuitivo e immediato, reale e umano, intimo e personale. Tutti questi aspetti riecheggiano dall’ispirazione che trae ogni giorno dal mondo della moda, del design, così come dalle immagini e dai video. Ogni lavoro rappresenta un piccolo testamento nei confronti della sua passione per l’arte della fotografia. 

 

 

L’esposizione e il lancio del libro Matadi avrà luogo il 19 aprile alle ore 18 presso lo spazio 3537, 35-37 Rue Des Francs Bourgeois, 75004 Parigi. 

Per maggiori informazioni 3537.org.

MATADI, JANNEKE VAN DER HAGEN, 2023.

CINEMA

LONG LIVE KEVIN COSTNER

2024.05.27

Kevin Costner torna al cinema con Horizon, pensato e immaginato dal regista per la prima volta nel 1988. Presentato a Cannes, il film è un pellegrinaggio emotivo attraverso il lungo e complesso periodo di espansione e insediamento del West americano, prima e dopo la Guerra Civile.

EXHIBITION

MINERAL FUSION

2024.05.24

La mostra Superstones rappresenta un’audace esplorazione di Giovanni Raspini nel mondo della gioielleria contemporanea. Ogni creazione, dalle collane agli anelli, celebra la bellezza intrinseca e l’unicità dei minerali, esaltando il valore scientifico ed emozionale delle pietre.

PARTHENOPE

2024.05.23

Parthenope, in concorso al Festival di Cannes, racconta il sacro e l’intimo delle prime esperienze e dei primi amori – uno puro e luminoso, l’altro sordido e indicibile – nell’ultimo capolavoro di Paolo Sorrentino.

MIU MIU

MIU MIU TAKES CANNES

2024.05.22

In occasione della 77esima edizione del Festival di Cannes, il 21 maggio Miu Miu ha ospitato un pranzo e un’esperienza Summer Club insieme a Cara Delevingne presso l’Ecrin Plage, un’oasi nascosta nata a Cannes nel 2003.

NEWS

OPERE PRIME

2024.05.21

Negli spazi di Armani/Silos, Giorgio Armani promuove una selezione mirata dei titoli d’esordio di cinque giovani registi italiani capaci di offrire uno spaccato intenso ed espressivo della cinematografia contemporanea.