MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

FULFILL THE DREAM

2024.04.23

Testo di Francesca Fontanesi

Catturare l’essenza della skate culture insieme alla propria evoluzione personale. Nel nuovo libro fotografico Fulfill The Dream, Magdalena Wosinska imprime su carta un viaggio senza filtri.

Fulfill the Dream è il nuovo libro fotografico documentaristico della fotografa polacca Magdalena Wosinska che cattura la skate culture americana degli anni Novanta attraverso istantanee a colori e in bianco e nero. L’energia e la creatività di questa controcultura hanno influenzato la moda, la musica e l’espressione artistica di un’intera generazione di americani: il libro presenta Chad Muska, Austyn Gillette, Jim Greco, Harold Hunter, Ed Templeton, Eric Ellington, Ali Boulala e molti altri skater oggi riconosciuti a livello mondiale. Al di là del più ampio esame della sottocultura skate americana, il progetto di Wosinska è un viaggio profondamente personale attraverso la sua adolescenza e un’esplorazione di cosa significhi to be a misfit in a world of misfits.

Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.

In una sottocultura nota per la sua mascolinità quasi blasé e permissiva, rivendicare il proprio spazio come donna adolescente è un puro atto di audacia. In questo diario fotografico, le immagini crude e viscerali riprese da Wosinska e i suoi autoritratti si giustappongono ai momenti nascenti delle future icone dello skate: concentrandosi principalmente sulla costa occidentale – con qualche breve sosta a New York – Wosinska ha raccontato un’epoca di trasformazione dello skateboarding, quando il fenomeno si è evoluto in una professione redditizia. Ha immortalato nomi come Chad Muska, Ed Templeton ed Eric Ellington, e allo stesso tempo documentato la propria metamorfosi personale che potremmo definire una navigazione verso la femminilità, l’identità, ma anche la paura del rifiuto. Magdalena Wosinska cattura così le dualità che hanno plasmato la sua vita: la gioia e l’euforia dello skateboard, i legami umani significativi, la dipendenza da droghe, i pregiudizi, il profondo bisogno di trovare un luogo di appartenenza e le lotte con la salute mentale. Poco dopo essere immigrata negli Stati Uniti dalla Polonia comunista nel 1991, Wosinska ha usato la sua macchina fotografica per affrontare lo shock culturale: la macchina diventata il suo passaporto per un mondo dominato principalmente da ragazzi e un linguaggio per inserirsi e stringere amicizie sincere nelle comunità dello skateboarding. Attraverso ritratti e autoritratti crudi e viscerali, creati in contrapposizione alla scena dominata dagli uomini, ha catturato l’ormai famoso spirito adolescenziale dei Go, riflettendo l’equilibrio sempre mutevole tra gli alti e i bassi dell’appartenenza e l’essenza di anni di realizzazione dei sogni di fotografa attraverso la perseveranza e il duro lavoro. Accanto all’angoscia esistenziale dell’epoca, il progetto esplora i temi della resilienza, dell’emancipazione femminile e dell’incessante ricerca dei propri obiettivi.

 

image from the book Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.

“Questo titolo significa molte cose per me. Si tratta di ritrovare la mia femminilità per la prima volta negli ultimi 40 anni. Com’è stato arrivare in un paese e in una cultura completamente nuovi dalla Polonia comunista, essere una delle uniche ragazze allo skatepark di Phoenix a metà degli anni Novanta”.

– Magdalena Wosinska

La costante necessità di accettazione, alimentata dal desiderio di diventare fotografa è, in questo progetto, universale. Resta per Wosinska una luce guida attraverso le difficoltà, che ha dato forma sia alla sua carriera sia ai legami interpersonali. Abbracciando il tema della vulnerabilità – anche se a caro prezzo – le insicurezze individuali si trasformano in forza. Questo libro offre uno sguardo senza veli sul suo percorso artistico; un memoir visivo, un monologo semi-cronologico: questa è Magdalena nelle sue parole e nelle sue fotografia, nuda e cruda. Fulfill The Dream è una storia di promesse mantenute e realizzate, e di un sogno raggiunto.

image from the book Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
image from the book Fulfill the Dream, Magdalena Wosinska. © Magdalena Wosinska. Courtesy Homecoming Gallery.
JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.

EXHIBITION

TESTAMENT TO YOUTH

2024.04.29

Dopo aver studiato presso l’Accademia degli Antwerp Six, Willy Vanderperre intraprende la carriera di fotografo. Da Raf Simons e Dior fino a Jil Sander e Prada, il fotografo belga ha costruito da una rigida educazione religiosa e della solitudine adolescenziale il motore della propria sfera creativa.