MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

A TRIBUTE TO
CINI BOERI

2024.04.16

Testo di Francesca Fontanesi

Un’installazione che rende omaggio al lavoro e al pensiero dell’architetta e designer milanese nel centenario della sua nascita, che coincide con i 100 anni dalla fondazione di Loro Piana.

Loro Piana Interiors rende omaggio a Cini Boeri nel centenario della sua nascita con l’installazione A Tribute To Cini Boeri nel Cortile della Seta, l’headquarter di Loro Piana a Milano, dal 16 al 21 aprile, dedicata ai pezzi iconici disegnati dalla grande architetta italiana, vestiti con gli esclusivi tessuti Interiors della Maison. Questi arredi, realizzati da arflex, celebrano la parte più gioiosa, giocosa e contemporanea dell’idea di design di Cini Boeri: arredi pensati per favorire l’interazione dell’individuo con lo spazio domestico.

L’installazione, disegnata in collaborazione con l’Archivio Cini Boeri, segue uno dei principi che hanno guidato il lavoro di Cini come architetta: l’idea della casa pensata con stanze separate dotate di uscite indipendenti e un ambiente comune, luogo in cui gli abitanti desiderano riunirsi per scelta e non per imposizione. Così la stanza centrale dell’installazione ospita l’iconico sistema Strips, mentre ognuno degli ambienti intorno è dedicato a una famiglia di prodotti. Il percorso è interattivo e invita gli ospiti a provare gli arredi ed entrare in relazione con essi, sempre seguendo l’insegnamento di Cini Boeri che voleva mobili capaci di confrontarsi con gli utilizzatori, adattandosi ed evolvendo con le loro esigenze. In questo caso, esplorare le diverse aree significa entrare in relazione con gli arredi più famosi disegnati da Cini Boeri: il sistema modulare Strips (Compasso d’Oro 1979), il letto Strips, le Pecorelle, divano e poltrone, le poltrone Bobo e Boborelax, e le sedie Botolo alte e basse – tutti vestiti per l’occasione con i tessuti Loro Piana Interiors più raffinati. In particolare, le sedie Botolo indossano il morbido Cashfur in cashmere e seta che, in un colore speciale, dà vita a una serie limitata e numerata di 100 pezzi. Per il divano modulare Strips è stato scelto il Cashmere Raw, cashmere in purezza non tinto in due nuances, e per il letto Strips la lana Tiepolo, naturalmente elastica e resistente, utilizzata anche su Boborelax, mentre Bobo è rivestito in Cashmere Sherpas nel caratteristico colore Kummel di Loro Piana. Alle Pecorelle non poteva che essere dedicato Pecora Nera®, il tessuto ottenuto lavorando il vello di pecore merino neozelandesi di colore scuro, sempre in due nuances a creare un gioco nel gioco: un gregge morbido e confortevole in cui le Pecorelle chiare spiccano tra quelle scure, proprio come accade nel vero gregge da cui Loro Piana si rifornisce in esclusiva di lana.

“La celebrazione unica delle opere iconiche progettate da Cini Boeri per arflex e la collaborazione esclusiva con Loro Piana Interiors danno vita ad una mostra straordinaria. L’intento è quello di immergersi nel mondo creativo della designer, giocare e assaporare i modelli creati dalla maestria artigianale di arflex, avvolti da un’armoniosa fusione con tessuti di altissima qualità”.

– Arflex

Maria Cristina Mariani Dameno, detta Cini Boeri, nasce il 19 giugno 1924 a Milano, città con cui manterrà per tutta la vita un forte legame, in particolar modo con Piazza Sant’Ambrogio, dove abiterà e aprirà il suo studio professionale. Dopo la laurea in architettura al Politecnico di Milano, nel 1951, svolge un breve apprendistato nello studio di Gio Ponti, che le insegna un certo ordine mentale e fisico ma anche la sua arte e la sua poesia. Segue un lungo periodo nello studio di Marco Zanuso, uno dei più grandi architetti e designer italiani del dopoguerra. Qui lavora fin da subito a progetti architettonici assistenziali, come l’Asilo per madri nubili al Lorenteggio (1955-56), per migliorare le condizioni abitative delle giovani donne e dei loro bambini. Zanuso intanto, con Richard Sapper, porta avanti importanti progetti di design per clienti come Olivetti e la Arflex; Cini ha così modo di conoscere il mondo dell’industria e apprendere un metodo progettuale che parte sempre da un dialogo con il cliente, per migliorare lo spazio abitativo e quello pubblico a favore di un più logico uso degli spazi e dei suoi contenuti. Nel 1963, dopo 11 anni nello studio di Zanuso, Cini apre il suo studio, e avvia la sua attività indipendente, occupandosi di architettura privata, pubblica, allestimenti e di disegno industriale, progettando sempre a partire dalle esigenze fisiche e psicologiche dell’individuo, per incoraggiarne l’autonomia, nello spazio e nelle relazioni.

La gioia è insita nell’atto del progettare, nel proporre il nuovo e nel crearlo con responsabilità e passione. L’impegno corrisponde a un’etica morale e intellettuale, che dovrebbe sempre accompagnare il nostro lavoro, in tutti i suoi aspetti.

 

 

 

Ironia, gioia e un tocco di irriverenza caratterizzano tutta l’installazione nel Cortile della Seta, per tenere fede a questi insegnamenti e offrire ai visitatori un’esperienza unica, mostrando come il design di Cini sia ancora profondamente legato alle esigenze abitative moderne. A Tribute To Cini Boeri nasce dalla collaborazione tra Loro Piana Interiors, Arflex, storica azienda italiana che da sempre realizza gli arredi di Cini, e l’Archivio Cini Boeri,  nato nel 2023 con l’intento di raccogliere, riordinare, studiare e divulgare il lavoro dell’architetta e designer milanese, per continuare ad animarlo con il suo spirito libero, socialmente impegnato e proiettato verso il futuro. Questo incontro segna l’inizio di un percorso articolato, di ricerca e racconto, che accompagnerà l’Archivio Cini Boeri fino al 2026, anno della prima grande retrospettiva dedicata alla grande architetta in Triennale. Questa non è la sola iniziativa a celebrare la figura di Cini durante la Milano Design Week 2024: l’Archivio e Triennale Milano presentano la mostra Cini Boeri nella Biblioteca del Parco, in scena presso la celebre biblioteca disegnata da Ico Parisi per la Triennale del 1954 all’interno del Parco Sempione, aperta dal 15 al 28 aprile. Loro Piana Interiors seguirà il percorso di valorizzazione lavorando a stretto contatto con l’Archivio e divenendo Partner di Triennale Milano.

L’installazione è aperta al pubblico fino al 21 aprile.
Per maggiori informazioni loropiana.com.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.

EXHIBITION

TESTAMENT TO YOUTH

2024.04.29

Dopo aver studiato presso l’Accademia degli Antwerp Six, Willy Vanderperre intraprende la carriera di fotografo. Da Raf Simons e Dior fino a Jil Sander e Prada, il fotografo belga ha costruito da una rigida educazione religiosa e della solitudine adolescenziale il motore della propria sfera creativa.