MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

LIV LIBERG

2022.12.15

Liv Liberg esplora l’idea di essere donna attraverso una narrazione dal carattere unico. Il libro fotografico “Willemijn” si presenta come una risposta a domande interiori dell’artista, esplorando una relazione tra due ragazze in modo intimo e senza filtri.

Liv Liberg scatta foto da quando ha solo 10 anni, la sua avventura con la fotografia camicia immortalando amici, familiari e soprattutto la sorella Britt, già protagonista del progetto fotografico “Sister Sister”. Gli abiti presi in prestito dal guardaroba eccentrico e alla moda dei genitori sono sempre stati fondamentali per la fotografa olandese: un tempo erano solo un gioco, un modo per divertirsi e sfoggiare abiti di Come des Garçons o Yohji Yamamoto nella foresta vicino a casa o nella fattoria della casa di campagna, adesso invece sono il mezzo per esprimersi e per esplorare l’idea di essere donna, caratteristica principale nel lavoro di Liv. La sua ricerca è costante, attraversa i momenti pieni di complesse emozioni dei soggetti che immortala, che definisce attraverso una combinazione di pose e spesso anche di travestimenti. Queste scelte derivano dal forte senso di indennità personale e carattere visivo unico che rispecchiano l’estetica dell’artista stessa. 

Liv Liberg, "Willemijn", 2022.

“La moda mi offre uno spazio per giocare, non essere troppo seria e capire il mio punto di vista sull’essere donna; come ci muoviamo, ci vestiamo, ci esibiamo e agiamo. Ho sempre amato vestirmi e vestire i miei amici; la trasformazione e il modo in cui gli abiti dirigono il personaggio”

– Liv Liberg

Liv Liberg, "Willemijn", 2022.

“Willemijn” è il nuovo libro fotografico di Liv Liberg. Parla di una ragazza, di un’amica, di due migliori amiche, di una modella e di una fotografa. Il progetto racconta anche molto dell’artista in sè: si presenta come un ritratto intimo dell’innocenza giovanile che lascia trasparire un gioco di abiti e sguardi, di pose e atmosfere. Gli scatti sono come risposte alle domande di Liv, un modo per esplorare i suoi pensieri e interrogarsi su ciò che la circonda. La relazione tra le due ragazze rimane un punto interrogativo che attraverso le immagini è trattata in modo inconsapevole e senza vincoli o limiti, Non sapendo cosa sarà, cosa diventerà la persona stessa, come si evolverà il rapporto, cosa ci sarà dopo, “Willemijn” offre una visione unica di un’anima intoccabile e innocente.

 

 

Per maggiori informazioni madevankrimpen.com and monogrambooks.org.

CULTURE

HOW DIRECTORS DRESS

2024.06.20

How Directors Dress si avvale della filosofia dei vestiti per raccontare nuove ed entusiasmanti storie sui registi, le loro vite, i loro film e i tempi in cui sono stati realizzati.

RUNWAY

PRADA UTOPIA

2024.06.17

Miuccia Prada e Raf Simons presentano la collezione Prada Uomo Primavera/Estate 2025 all’interno del Deposito di Fondazione Prada, intrecciando dettagli surreali e riferimenti alla cultura rave per spingerci a mettere in discussione la contingenza delle percezioni.

PHOTOGRAPHY

OUTDOOR FURNITURE

2024.06.13

Outdoor Furniture è il nuovo libro pubblicato da Art Paper Editions dedicato alla pratica fotografica di Pippa Garner, che da cinquant’anni mette in discussione i limiti dei codici e dei linguaggi ritenuti socialmente accettabili.

NEWS

OCCUPARE LO SPAZIO

2024.06.11

Le opere di Donald Judd saranno in mostra da giugno a settembre in occasione di Art Basel: definite dall’interesse di Judd per i materiali e il colore, sottolineano le qualità intrinseche dei loro componenti e la relazione tra parte e insieme.

EXHIBITION

FIVE WAYS TO SEE

2024.06.10

Attraverso linee chiare e colori solidi, La nuova serie di dipinti di Emily Ludwig Shaffer offre una riflessione su come le donne occupino spazi concreti e simbolici.