MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

KARL LAGERFELD:
A LINE OF BEAUTY

2023.05.03

Text by Lucrezia Sgualdino

La personalità e la creatività del genio che è stato Karl Lagerfeld dà forma ad una retrospettiva dedicata al rapporto tra gli schizzi di un’intera vita e i suoi ultimi lavori, un’indagine sulla metodologia di lavoro unica e personale che ha accompagnato il designer per tutta la sua carriera.

Karl Lagerfeld è stato uno dei personaggi più interessanti della storia della moda, uno sguardo unico e indagatore, che ha impiegato ogni sua forza nello sviluppo di moda e cultura. Per sé stesso e per gli altri. La sua pratica è stata riconosciuta fin da sempre come rara e singolare, e per questo capace d’essere punto di riferimento e d’ispirazione per intere generazioni di appassionati di moda e non. La mente visionaria di Lagerfeld ha sempre permesso al suo essere persona e uomo di osservare il mondo e catturare l’essenzialità di ogni aspetto, attraverso passione ed immaginazione. I suoi disegni raccontano il genio che si è fin da sempre celato dietro Karl, schizzi dal forte potere evocativo, pieni di energia e trasporto. Il disegno è stata la principale modalità di espressione creativa e di comunicazione, illustrandone il suo significato in relazione alla pratica creativa e al lavoro dello stilista.

Il filo conduttore dell’exhibition è la linea stessa del suo tratto, quella tesa e composta che rappresenta la tendenza innovativa dell’artista e invece quella scomposta e sinuosa che simboleggia la formazione teorica e idealista. Le linee diventano allegorie di rappresentazioni stilistiche differenti, composte da momenti calmi ed esplosioni di vitalità. La linea serpentina indica gli impulsi romantici e decorativi di Lagerfeld, mentre quella retta indica le sue tendenze moderniste, classiciste e minimaliste. Queste due linee sono ulteriormente suddivise in nove “sotto-linee” che presentano le dualità estetiche e concettuali evidenziate in ogni disegno per Chanel, Chloé, Fendi e Karl Lagerfeld: femminile e maschile, romantico e militare, rococò e classico, storico e futuristico, ornamentale e strutturale, canonico e controculturale, artigianale e meccanico, floreale e geometrico, figurativo e astratto. A fare da collante tra queste dualità contrastanti sono sempre state le “esplosioni” figurative: capi che rappresentano momenti di convergenza, in cui le estetiche concorrenti di queste dicotomie contrapposte si uniscono e si riconciliano in un’immagine ben definita.

Sketch of Dress, Karl Lagerfeld for House of CHANEL, spring/summer 1995 haute couture. Courtesy CHANEL.
Runway image of CHANEL coat, Fall-Winter 2017/18 Haute Couture.
Sketch of CHANEL coat, Fall-Winter 2017/18 Haute Couture. Courtesy Patrimoine de CHANEL, Paris.
Stella Tennant. Runway image of FENDI dress, spring/summer 1997.
Sketch of FENDI dress, spring/summer 1997. Courtesy FENDI.
Runway image of ensemble, Karl Lagerfeld for KARL LAGERFELD, spring/summer 2009. Courtesy KARL LAGERFELD.

In ogni esperienza Lagerfeld è riuscito a far emergere il suo approccio spensierato ad uno spirito ironico ma tagliente. Una personalità eccentrica e pungente, non è stato solo uno dei più influenti direttori creativi della storia della moda, bensì un artista che ha saputo dimostrare tutto il suo genio tramite la moda e la fotografia. Quest’anno il Met ha deciso di inaugurare una mostra dedicata al linguaggio stilistico del designer, portando alla luce la complessa metodologia creativa dei suoi lavori con 150 abiti in esposizione. L’obiettivo è quello di lasciare che il visitatore si immerga nella reale immaginazione e nelle vere passioni di Karl Lagerfeld osservandone l’evoluzione. Un’estro creativo geniale e unico, che da semplici linee bidimensionali ha sempre saputo creare articolati capi tridimensionali. 

 

 

Per maggiori informazioni metmuseum.org.

Sketch of Ensemble, House of CHANEL, Karl Lagerfeld, spring/summer 2019. Courtesy CHANEL.
Solange Wilvert. Runway image of CHANEL wedding dress, Fall- Winter 2005/06 Haute Couture.
Sketch of CHANEL wedding dress, Fall-Winter 2005/06 Haute Couture. Courtesy Patrimoine de CHANEL, Paris.
Runway image of “Aurélien” dress, Karl Lagerfeld for Chloé, spring/summer 1983.
Sketch of “Aurélien” dress, Karl Lagerfeld for Chloé, spring/summer 1983. Courtesy Chloé Archive.
Runway image of ensemble, Karl Lagerfeld for House of CHANEL, spring/summer 2019. Courtesy CHANEL.

PHOTOGRAPHY

FRAGILE BEAUTY

2024.05.20

Il Victoria&Albert Museum di Londra presenta più di 300 stampe rare appartenenti a 140 fotografi di fama mondiale. Una grande esposizione fotografica che narra la storia del XX e XXI secolo grazie alla collezione privata di Sir Elton John e David Furnish.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.