MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

INESAURIBILE EMOTIVITà SCULTOREA

2023.12.05

Text by Chiara Belardi

Il primo sguardo verso le opere monumentali di Ron Mueck è destinato a prolungarsi nel tempo: le sculture dell’artista – perturbanti e viscerali quanto emotive ed empatiche – sono un’esperienza fisica inesauribile.

La prima personale italiana dell’australiano Ron Mueck si svolge alla Triennale di Milano, luogo che da sempre riesce a captare l’esigenza contemporanea di avere una visione radicale verso le arti visive e performative. La mostra costituisce anche l’occasione di sottolineare il duraturo sodalizio tra Triennale Milano e Fondation Cartier pour l’art contemporain, istituzioni europee caratterizzate da un approccio multidisciplinare, che condividono una medesima visione sulla cultura e la creazione artistica. La mostra Ron Mueck è di fatto l’evoluzione del progetto espositivo tenutosi a Parigi nell’estate 2023, concepito da Fondation Cartier in stretta collaborazione con l’artista, terza tappa di un dialogo incessante tra lo scultore e l’istituzione francese, avviato nel 2005 e proseguito nel 2013. Il percorso espositivo in Triennale si compone di sei opere che chiedono in modo incessante allo spettatore di essere abitate: la sensazione davanti a In Bed (2005), una gigantesca rappresentazione di una donna stesa a letto, con la testa sollevata contro i cuscini, è di preoccupazione, forse nasconde una volontà di prendersi gioco dello spettatore sottomettendolo e istigando in lui un forte complesso di inferiorità. Ma nonostante la taglia colossale, la scultura appare delicata e intima: le dimensioni fuori scala alterano la prospettiva, creando una sensazione di vicinanza con una persona i cui pensieri sembrano essere rivolti altrove. Il percorso prosegue con la monumentale installazione Mass, 2017, esposta per la prima volta fuori dall’Australia in occasione di questo progetto che illustra gli sviluppi più recenti della pratica artistica di Mueck.

Portrait de Charlie Clarke et Ron Mueck, Fondation Cartier pour l'art contemporain, Paris.

“Lo scheletro umano è un oggetto complesso. Un’icona potente, grafica, che riconosciamo immediatamente. Allo stesso tempo familiare ed esotico, il teschio disgusta e affascina contemporaneamente. È impossibile da ignorare, richiede la nostra attenzione a un livello subconscio.”

– Ron Mueck

Nella sua dimensione e ambizione monumentale, Mass è l’opera dalla quale si dipana la mostra e rappresenta una pietra miliare nella carriera dell’artista. Commissionata dalla National Gallery of Victoria (Melbourne, Australia), è un’installazione composta da cento gigantesche sculture di teschi umani disposti in dialogo con lo spazio espositivo. L’installazione offre un’esperienza fisica e psicologica che cattura i visitatori e li incoraggia a riflettere sugli aspetti fondamentali dell’esistenza umana. Il titolo offre un assaggio delle differenti interpretazioni cui l’opera si presta. La parola inglese “mass” è infatti riconducibile a molteplici significati, da “mucchio disordinato” a “funzione religiosa”, che costituiscono punti di partenza per l’esperienza personale di ciascun osservatore a confronto con l’opera. La stessa iconografia del teschio è ambigua: associata alla brevità della vita umana nella storia dell’arte e onnipresente nella cultura popolare. 

Ron Mueck, En Garde, 2023. Courtesy Thaddaeus Ropac.

In mostra risultano centrali anche due film del fotografo e regista francese Gautier Deblonde, le cui immagini catturano l’atmosfera dello studio di Mueck e il suo metodo di lavoro negli ultimi venticinque anni. Questi film, girati negli studi dell’artista e durante la creazione delle sculture in occasione di mostre e presentazioni, offrono un raro approfondimento sulla pratica quotidiana dell’artista. Questi film sono stati commissionati nel corso del tempo dalla Fondation Cartier per accompagnare le mostre di Ron Mueck. Entrando nella seconda sala e attraversando l’opera Garde (2023), uno spettacolare e minaccioso gruppo di cani di quasi tre metri di altezza, la cui ferocia  immediata spaventa e minaccia lo spettatore, si trova infondo, al contrario, una piccolissima scultura dal nome Baby (2000), un neonato nudo che trae ispirazione dall’immagine di un libro di medicina dove si vede un bambino tenuto per i piedi pochi attimi dopo il parto. In contrasto con il post-mortem Mass, questo piccolo ritratto dei primi momenti di vita focalizza l’attenzione su di un soggetto intenso. Capovolgendo l’immagine originale e fissando la scultura al muro, l’artista crea una forma a croce che invita alla contemplazione come se si trattasse di un’icona religiosa, segnata da quella che sembra essere, da un’analisi più ravvicinata, un’espressione dispettosa. L’opera di Ron Mueck e il suo corpus di sculture, rappresenta una ricerca profondamente misteriosa ed estremamente genuina allo stesso tempo nel panorama contemporaneo, spesso pervasa da un’aura surreale, invita a riflettere sulla propria relazione con il corpo e più in generale, porta a confrontarsi con l’esistenza stessa.

Ron Mueck, Woman With Sticks, 2009-2010. Collection of the Fondation Cartier pour l'art contemporain.
Ron Meuck, Mass, 2017 Vedute dell’esposizione Ron Mueck alla Fondation Cartier pour l’art contemporain.
Ron Mueck, This Little Piggy, 2023. Courtesy Thaddaeus Ropac.

Per maggiori informazioni triennale.org

CULTURE

HOW DIRECTORS DRESS

2024.06.20

How Directors Dress si avvale della filosofia dei vestiti per raccontare nuove ed entusiasmanti storie sui registi, le loro vite, i loro film e i tempi in cui sono stati realizzati.

RUNWAY

PRADA UTOPIA

2024.06.17

Miuccia Prada e Raf Simons presentano la collezione Prada Uomo Primavera/Estate 2025 all’interno del Deposito di Fondazione Prada, intrecciando dettagli surreali e riferimenti alla cultura rave per spingerci a mettere in discussione la contingenza delle percezioni.

PHOTOGRAPHY

OUTDOOR FURNITURE

2024.06.13

Outdoor Furniture è il nuovo libro pubblicato da Art Paper Editions dedicato alla pratica fotografica di Pippa Garner, che da cinquant’anni mette in discussione i limiti dei codici e dei linguaggi ritenuti socialmente accettabili.

NEWS

OCCUPARE LO SPAZIO

2024.06.11

Le opere di Donald Judd saranno in mostra da giugno a settembre in occasione di Art Basel: definite dall’interesse di Judd per i materiali e il colore, sottolineano le qualità intrinseche dei loro componenti e la relazione tra parte e insieme.

EXHIBITION

FIVE WAYS TO SEE

2024.06.10

Attraverso linee chiare e colori solidi, La nuova serie di dipinti di Emily Ludwig Shaffer offre una riflessione su come le donne occupino spazi concreti e simbolici.