MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

TOPOGRAFIA DEI MATERIALI

2024.04.17

Testo di Francesca Fontanesi

Giocando sull’ambiguità tra ciò che è passato e ciò che è attuale, l’oggetto Hermès non ha età, trascende il tempo. In occasione della Milan Design Week 2024 il concetto assoluto di heritage e tradizione viene traslato negli spazi de La Pelota.

La Pelota, via Palermo 10, Milano
16 aprile 2024 – 21 aprile 2024

 

 

 

Le collezioni Hermès per la casa invitano a estrarsi dal tempo e a creare un dialogo tra radici e movimento, tra materiali e savoir-faire. In occasione della Milano Design Week 2024, la maison presenta le sue nuove collezioni insieme a oggetti del suo heritage. Giocando sull’ambiguità temporale, questo abbinamento dimostra che gli oggetti Hermès non sono influenzati dal tempo e dalle mode. Seguendo un percorso sul tema della terra, che evoca il radicamento con il mondo, l’occhio è attratto da una composizione di materiali grezzi – mattoni, pietra, ardesia, legno e terra compattata – che raffigura una maglia di seta da cavaliere. Potente simbolo del patrimonio culturale della casa, la casacca equestre con motivi geometrici colorati è fonte di ispirazione per la pelletteria e i tessuti. Contenitori, cestini e centrotavola in pelle sono realizzati da esperti artigiani sellai. Il virtuosismo artigianale si svela anche nelle coperte dalle tenui tonalità sfumate e nei grandi copriletto in cashmere arricchiti da linee grafiche tessute, tinte o trapuntate e ricamate. La linea della nuova poltrona Diapason d’Hermès in pelle e alluminio martellato è radicale ed elegante. Le lampade eteree ispirate ai volteggi equestri e i tratti delicati del servizio da tavola Tressages équestres sono un manifesto di leggerezza e raffinatezza. Una conferma dello spirito di Hermès, che unisce maestria artigianale ed eccellenza.

Il copriletto Hippique è grafico, geometrico, ipnotico. Pensato dallo Studio Hermès su disegno di Jochen Gerner, questo copriletto svela una successione di bandierine dai tipici motivi delle giubbe da fantino, realizzate in applicazioni colorate che esprimono la varietà dei motivi equestri esistenti. Realizzato in twill di seta e cotone con impunture tono su tono e rivestito in cashmere, questo articolo dalle dimensioni inedite è altresì emblematico di un savoir-faire sartoriale unico. Ma c’è anche la poltrona Diapason d’Hermès, sempre disegnata dallo Studio Hermès: questa poltrona direttamente ispirata all’eredità modernista coniuga alla perfezione contrasto dei materiali e potenza del design formale. Il suo stile architettonico è forgiato da due pezzi di cuoio, che formano la seduta e lo schienale, montati su una struttura in alluminio martellato che ora richiamano le lampade Voltige d’Hermès: questa nuova linea di lampade impone il suo linguaggio equestre con uno stelo sottile in pelle intrecciata dai toni bicolor. Discreta e unica, gioca con le texture, i materiali e i colori. Per la prima volta, il savoir-faire della tradizione di selleria e pelletteria artigianale si afferma attraverso la creazione di una linea di oggetti per la casa. Le ceste porta plaid, i secchielli e i centrotavola Derby sono interamente realizzati in pelle. Un materiale che, in questi oggetti, si presta a ogni forma di esplorazione in termini di costruzione, dimensioni, palette cromatica, geometria: strisce di pelle colorate fronte-retro, impunturate e cucite a mano, si arrotolano per formare un cestino, mentre i centrotavola con intarsio di pelle sfoggiano i loro motivi grafici. La morbida pelle, plasmata dal virtuosismo di abili artigiani, si trasforma in un oggetto solido. Così la tradizione Hermès si espande nell’intimità degli spazi abitativi.

Per maggiori informazioni hermes.com.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.

EXHIBITION

TESTAMENT TO YOUTH

2024.04.29

Dopo aver studiato presso l’Accademia degli Antwerp Six, Willy Vanderperre intraprende la carriera di fotografo. Da Raf Simons e Dior fino a Jil Sander e Prada, il fotografo belga ha costruito da una rigida educazione religiosa e della solitudine adolescenziale il motore della propria sfera creativa.