MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Gli spiriti dell'isola

2023.02.02

Ambientato su una remota isola al largo della costa orientale dell’Irlanda, Gli Spiriti dell’Isola segue le vicende di due amici da una vita giunti a un momento di stallo del loro rapporto. Il film esplora i sentimenti dei personaggi in cui il pubblico può identificarsi. 

Martin McDonagh ritorna nelle sale cinematografiche con un nuovo capolavoro candidato a nove premi Oscar, tra cui quello di miglior film e miglior regista, Gli Spiriti dell’Isola. Il mondo creato dal regista è un’isola immaginaria, Inisherin, dove un piccolo gruppo di abitanti trascorre le giornate a contatto con la natura incontaminata, passeggiando tra la loro casa e il pub del paese. Il produttore Broadbent si trova su un volo partito da Buenos Aires e diretto in Patagonia, quando riceve una mail da McDonagh, con cui aveva già collaborato per La Coscienza dell’Assassino, Sette Psicopatici e Tre Manifesti a Ebbing. Velocemente si immerge nella storia presentata dal regista e presto si convince a farne parte, vedendo come divertimento, tristezza e umanità vivono armoniosamente all’interno di una stessa narrazione. Il film si svolge nel 1923, periodo in cui in Irlanda si infuria la Guerra Civile. L’isola dove si svolge il film non è coinvolta direttamente, ma la tensione presente dall’altra parte del mare si riflette anche a Inisherin che, pur inconsciamente, si vede travolta dal malessere provocato dalle battaglie. La storia infatti si apre con l’immagine di Pádraic, interpretato da Colin Farrell, che si aggira felice per l’isola dove vive con la sorella, Siobhán (Kerry Condon), ma non sa che presto l’equilibrio delle sue giornate sarà sconvolto da una rottura inaspettata del rapporto di amicizia tra lui e il suo amico di vecchia data Colm, interpretato da Brendan Gleeson. Pádraic prima è scioccato, poi scocciato e infine amareggiato: non si spiega cosa possa essere successo per aver causato l’allontanamento del suo compagno di una vita, il quale più tardi spiega che non ha più tempo per le cose frivole e che vuole dedicarsi completamente alle sue passioni, tra cui la musica e in particolare il violino. Gli abitanti di Inisherin non sembrano toccati o infastiditi dalla Guerra Civile che continua dall’altra parte della costa, tuttavia, quello che accade sulla piccola isola rispecchia esattamente ciò che accade nel vicino continente: il rumore lontano degli spari diventa reale con la netta divisione tra i due uomini che stanno combattendo la loro piccola guerra personale. 

Colin Farrell and Kerry Condon in the film THE BANSHEES OF INISHERIN.

“Penso che le divisioni che infettano l’isola e la ferocia di ciò che accade nel film si riflettano negli eventi in corso sul continente. Tutti cercano di rimanere aggrappati alle loro posizioni consentendo alle divisioni di radicarsi e peggiorare.”

– Brendan Gleeson

Il regista trova un modo intelligente per giocare con quei sentimenti che tutti provano in termini di coppia, come avere il cuore spezzato o essere rifiutati, ma riferirlo alla sfera dell’amicizia introduce un elemento di commedia. Colm infatti decide di abbracciare l’arte e la creatività come se fossero le cose più importanti della sua vita, disprezzando e mettendo fine a un rapporto che accompagna la sua quotidianità da anni. Dalla rottura di sviluppano solo terribili conseguenze che cambiano presto la vita di entrambi: il film infatti vuole ricordare alle persone che prendere decisioni negative o dannose ha un effetto duraturo sulla propria esistenza. McDonagh mentre pensa alla narrazione si interroga, come fa anche il pubblico mentre guarda il film: come ci si può dedicare alla propria vita trascurando le persone amate? Né lui né il film forniscono una risposta, ma Gli Spiriti dell’Isola indaga questo enigma interessante, facendo schierare l’osservatore con uno dei due personaggi, a seconda della sua indole e del suo carattere. Dopo la rottura tra i due viene coinvolta anche la comunità: l’armonia che rendeva unica Inisherin viene sostituita da un conflitto interiore ed esteriore. Una combinazione di discordia e pazzia, perdita e sofferenza, con qualche risata lungo il cammino. Farrell ritiene che tutti i personaggi del film nascondano le proprie lotte, le proprie tristezze e i propri segreti diventando degli archetipi riuniti per creare caos. Tutte le persone coinvolte dell’isola sembrano il riflesso del tormento di qualcun altro, ed è per questo che una brutta vicenda tra due amici diventa qui la storia di tutti gli abitanti, nessuno escluso: la vita di Siobhán è consumata dalla lettura, dal cucinare e dalla solitudine e si rivede nei comportamenti di Colm, analizzandoli e capendo che qualcosa nella sua vita prima o poi deve cambiare. 

Colin Farrell and Brendan Gleeson in the film THE BANSHEES OF INISHERIN.
Kerry Condon in THE BANSHEES OF INISHERIN.
Colin Farrell and Barry Keoghan in THE BANSHEES OF INISHERIN.
Kerry Condon and Barry Keoghan in THE BANSHEES OF INISHERIN.

“Volevo che i personaggi di contorno avessero le proprie esistenze uniche. Poiché nella vita ogni persona è l’attore principale del proprio film, si dovrebbero trattare tutti i ruoli di contorno in questo modo.”

– Martin McDonagh

I personaggi sono circondati da una bellezza naturale, ma sono troppo impegnati ad essere ripiegati su loro stessi e a pensare al marcio della comunità. Gli attori quando raggiungono l’isola per le riprese sono affascinati dal paesaggio, caratterizzato dal colore verde dell’erba e l’azzurro del cielo. La location è anch’essa un personaggio e Condon afferma di essersi sentito come in paradiso. Un ambiente così puro, con un ritmo di vita lento, dove l’unico rumore sembra essere quello del vento, si pone in netto contrasto con il carattere violento, agitato e sconfitto dei personaggi. Anche gli animali nel corso della storia rivestono dei ruoli molto importanti, finendo per essere gli unici veri compagni di vita: per Pádraic si tratta di un’asinello mentre Colm vive costantemente accanto al suo cane. Martin McDonagh lascia molto spazio ai personaggi coinvolti nella storia, delineandone solo alcune caratteristiche e lasciando carta bianca agli attori di esplorare la personalità durante le riprese. In questo modo Farrell e Gleeson si sentono completamente partecipi della narrazione e giungono alla conclusione che sempre la rabbia genera rabbia, la violenza genera violenza e il dolore genera dolore. Pádraic è talmente ferito che agisce e compie delle azioni che altrimenti non avrebbe mai nemmeno pensato, mentre Colm sperimenta inquietudine e dolore che lo portano a compiere atti spregevoli. Gli Spiriti dell’Isola ha una spiritualità innata: non sta raccontando semplicemente la storia di persone, ma le esplora in profondità, incontrando amicizia, separazione e solitudine: sentimenti umani con cui il pubblico si identifica e con cui si sente particolarmente toccato, direttamente o indirettamente. 

 

Per maggiori informazioni searchlightpictures.com.

DESIGN

A RADICAL THINKER

2024.04.19

La mostra Nice to See You, allestita tra gli spazi della Biblioteca Ambrosiana, è una dei più grandi omaggi alla vita e alla carriera di Gaetano Pesce. A essere esposti sono oggetti dal doppio significato, quello dell’utile e quello del far pensare.

BIENNALE

MATERIALE E IMMATERIALE

2024.04.19

Monte di Pietà, la nuova mostra di Fondazione Prada a Venezia, esplora il concetto di debito come radice della società umana e veicolo primario attraverso cui vengono esercitati il potere politico e quello culturale.

MDW

MORBIDE GEOMETRIE

2024.04.19

Poliform entra in scena attraverso una proposta completa del concetto di spazio, sempre più elegante e ricercato. Jean-Marie Massaud, Emmanuel Gallina e, per la prima volta, Stefano Belingardi Clusoni firmano le principali novità di prodotto.

VENICE

A Belmond Train

2024.04.18

Il leggendario Venice Simplon-Orient-Express, A Belmond Train, riscrive la storia con L’Observatoire. Disegnato da JR, sarà presentato in occasione della Biennale di Venezia.

NEWS

LOEWE LAMPS

2024.04.17

L’esposizione di LOEWE al Salone del Mobile 2024 riflette il costante investimento del marchio nell’artigianato, e la sua dedizione a collaborare con artisti all’interno e al di fuori della sua produzione immediata: tra questi ci sono Alvaro Barrington, Akiko Hirai e Jennifer Lee.