MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Enea

2024.01.11

Testo di Francesca Fontanesi

Enea di Pietro Castellitto è un’epopea moderna guidata da un profeta che in realtà è l’antieroe per eccellenza. Una storia di genere ma senza il genere, carica del desiderio universale di dare un senso alla propria esistenza: questo film è la metafora visiva di un’invito a riflettere sull’amore come un armistizio.

Una palma che s’infrange su un tetto di vetro. Sulla scia del piano sequenza che ha consacrato Goodfellas di Martin Scorsese inizia così Enea, una nuova storia diretta da Pietro Castellitto: la metafora di un racconto vitale e decadente allo stesso tempo, e il preludio di un finale che rompe un muro di cristallo. Enea è il profeta insofferente di una generazione che ha già capito tutto e per questo sa che il mondo non può essere cambiato, al massimo preso in giro e deriso. Rincorre il mito che porta nel nome per sentirsi vivo in un’epoca immobile, e lo fa insieme a Valentino, un nichilista romantico che sogna di fare l’aviatore: i due, oltre alla bellezza, condividono quel periodo di rinascita e scoperta che è la giovinezza. Amici da sempre, vittime e artefici di un mondo corrotto–ma mossi da una vitalità incorruttibile–cercano di trovare qualcosa che li faccia sentire vivi. Finiscono per essere coinvolti in un traffico di stupefacenti, finché Enea, l’antieroe, non conosce Eva, femmina del peccato originale. Sullo sfondo di questa storia, che sembra ricalcare solo in apparenza i tòpoi di un racconto di formazione, si muovono altri personaggi: una madre pervasa dal senso di sconfitta, un padre malinconico, un fratello insoddisfatto. Una storia di genere senza il genere.

“Se i luoghi che frequenta Enea possono essere elitari, il desiderio di sentirsi vivi non lo è. È trasversale a tutte le generazioni e a tutti gli ambienti.”

–Pietro Castellitto

“Fare un film è un modo per distruggere tutto quello che conosci e rimetterlo assieme come vuoi tu. Costruire necessita sempre di una distruzione.”

–Pietro Castellitto

Eva rappresenta l’archetipo dell’amore. Porta con sè la parte emotiva più profonda del racconto e ha una forte importanza per l’evoluzione dell’identità del personaggio di Enea. Scattano così dinamiche che si rivelano inaspettate solo per chi ne è protagonista: i due si incontrano e si amano, nonostante la deriva di una personalità inafferrabile e sfuggente che è ovunque e allo stesso tempo da nessuna parte. L’incontro con Eva con cui cerca di creare un nucleo protetto e familiare è per Enea uno squarcio di luce che attraversa la sua esistenza e lo mette di fronte a un bivio, lo ferma, lo costringe a delle rinunce; Eva non è sopraffatta dal bisogno di capire fino in fondo la zona d’ombra di Enea ma cerca di proporgli un’alternativa, di tirarlo fuori dall’acquario in cui è radicato. Eva ha un’altra temperatura, un’altra frequenza, uno slancio nel tentare di salvare il prossimo, uno slancio che però poi cade nel vuoto. Il loro incontro è una metafora per lo spettatore: l’amore è l’unico momento in cui c’è un vero armistizio con la vita, in cui smettiamo di combattere e ci abbandoniamo, in dispetto a tutto ciò che sfugge al nostro controllo.

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.