MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

DOMENICO GNOLI

2021.10.28

Text by MUSE Team

Una radicale rilettura della rappresentazione classica. Mostra aperta al pubblico dal 28 Ottobre.

L’esposizione è composta da una serie di opere pop moderne e surrealiste che evidenziano la tecnica unica e incisiva dell’artista, che trae ispirazione da differenti movimenti della storia: dal periodo Rinascimentale, con la tradizione della pittura Italiana di Massaccio e Piero Della Francesca, all’arte concettuale di De Chirico, Severini e Campigli. La mostra, concepita da Germano Celant, riunisce più di 100 opere realizzate dall’artista dal 1949 al 1969. Contribuisce alla mostra anche una sezione cronologica e documentaria con materiali storici e fotografie che ricostruire il percorso biografico e artistico di Domenico Gnoli (Roma, 1933 – New York, 1970).

DUE DORMIENTI, 1966.

“Mi servo sempre di elementi semplici, non voglio aggiungere o sottrarre nulla. Non ho neppure avuto mai voglia di deformare: io isolo e rappresento. I miei temi derivano dall’attualità, dalle situazioni familiari della vita quotidiana; dal momento che non intervengo mai attivamente contro l’oggetto, posso avvertire la magia della sua presenza”.

– Domenico Gnoli

APPLE, 1968.

L’esperienza dell’esposizione si muta in un vero e proprio viaggio retrospettivo, che l’artista comunica attraverso scene di vita privata del suo tempo, con una visione artistica futurista. La nuova ricerca artistica di Gnoli abolisce quindi il contesto e si concentra sul particolare di un corpo umano o di un oggetto, sottolineando la potenziale sensualità e carica energetica, di soggetti apparentemente austeri agli occhi di tutti. Questa pittura precisa e materica che valorizza le superfici, i colori e i materiali propri di elementi inanimati, è caratterizzata anche da un rigoroso taglio fotografico. Si crea così un’ ulteriore connessione mentale con lo spettatore, che immagina cosa può esserci nel resto della scena.

 

Una combinazione di realtà e inventiva che mette al centro la sensualità dell’opera.

COAT, 1968.
CURL, 1969.
FAUTEULIN N°2, 1967.
ROBE VERTE, 1967.
RED CURLY HAIR, 1969.

La mostra è aperta al pubblico dal 28 Ottobre 2021 fino al 22 Febbraio 2022 in Fondazione Prada, Milano.

PHOTOGRAPHY

OUTDOOR FURNITURE

2024.06.13

Outdoor Furniture è il nuovo libro pubblicato da Art Paper Editions dedicato alla pratica fotografica di Pippa Garner, che da cinquant’anni mette in discussione i limiti dei codici e dei linguaggi ritenuti socialmente accettabili.

OCCUPARE LO SPAZIO

2024.06.11

Le opere di Donald Judd saranno in mostra da giugno a settembre in occasione di Art Basel: definite dall’interesse di Judd per i materiali e il colore, sottolineano le qualità intrinseche dei loro componenti e la relazione tra parte e insieme.

EXHIBITION

FIVE WAYS TO SEE

2024.06.10

Attraverso linee chiare e colori solidi, La nuova serie di dipinti di Emily Ludwig Shaffer offre una riflessione su come le donne occupino spazi concreti e simbolici.

ART

Anne Imhof On non-infinity

2024.06.07

Wish You Were Gay, la nuova mostra dedicata al lavoro di Anne Imhof presso la Kunsthaus Bregenz, esplora il senso di non-infinito, realtà e artificio, caso e destino, nonché assenza e presenza.

COLLECTION

INTO THE WILD

2024.06.06

Il savoir-faire di Loro Piana traspare con evidenza nella nuova collezione Into the Wild. Tessuti tecnici accostati a sete e cashmere pregiati sono sapientemente lavorati per essere in grado di resistere agli elementi.