MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

A HUMAN EXPERIENCE

2023.10.27

Text by Lucrezia Sgualdino

DANIEL ARNOLD: NEW YORK LIFE

 

Il fotografo americano Daniel Arnold porta in scena la sua pratica, una rappresentazione di immagini non perfetta, ma dettata dall’urgenza e dall’impulso di raccontare una realtà vera e immediata. Scatti che diventano una documentazione quasi involontaria della vita d’ogni giorno. 

New York è la città in cui vive e lavora, e il soggetto principale della sua fotografia. Il suo approccio creativo si espande dalla curiosità immediata di immortalare una scena comune, all’intuizione emotiva di essere davanti a ciò che gli occhi attenti di chi osserva spera di riconoscere negli scatti. Arnold riesce a raccontare il cuore di tutto ciò che accade intorno a noi, in un mondo in cui ormai alla realtà si presta poca attenzione, il suo desiderio è quello di riportare l’attenzione sulla vera autenticità dei momenti. All’interno di ogni sua immagine troviamo grandi drammi, ma anche scene banalmente sublimi, azioni di vita che ognuno di noi si rende conto di compiere abitudinariamente allo stesso modo, o con caratteristiche personali e differenti, di tante altre persone. Non importa che sia New York, Londra o Milano, la sua fotografia si ritiene universale, immortalando persone che corrono, inciampano e oziano sui marciapiedi, in metropolitana, chiacchierano al parco, in spiaggia e in traghetto. Il tempo nelle sue rappresentazioni sembra fermarsi per un istante, in una bolla sospesa tra la persona e l’ambientazione circostante, che sembra dimostrarsi priva di sentimentalismi profondi, bensì specchio di un momento comune, strano, ma del tutto interessante, per cercare di instaurare un dialogo interiore con la visione ritratta. 

Coney Midway, 2014.
East River Ferry and Brooklyn Bridge, 2013.

“Ho un rapporto molto stretto con la città. In un certo senso ora sento che anche lei ha di nuovo un rapporto con me.”

– Daniel Arnold

Le fotografie di Arnold raccolgono un cast di personaggi davvero ampio e disparato, improbabilmente riunito per le vie di una città. Persone che a prima vista appaiono archetipiche o stereotipate, si rivelano ben presto per le loro incompatibilità reciproche, mostrando la natura inquietante di soggetti catturati senza alcuna pretesa. Attraverso l’obiettivo puro e trasparente, le scene metropolitane intrise di cliché vengono distillate in maniera semplice ma efficace, diventando crude, strane, umoristiche e miracolose. Nell’universo del fotografo non esiste un momento giusto o un momento sbagliato, né tantomeno uno scatto perfetto. Quello che vi si riconosce all’interno è l’impulso di caricare un nuovo rullino e scattare la foto successiva, senza interrompersi un attimo e soprattutto senza riflettere troppo. Ogni fotografia è indice di un luogo e di un tempo particolare, l’ampiezza e la portata dei suoi lavori formano un’immagine più ampia, composita della vita cittadina di oggi. A New York, Arnold trova in ogni momento una continua musa, che non smette di ispirarlo e di attrarlo.

Central Park (Sheep Meadow), 2017.

Daniel Arnold: New York Life è in mostra alla New York Life Gallery dal 27 ottobre al 22 dicembre. Per maggiori informazioni newyorklifegallery.com.

Prince and Broadway, 2022.
44th and Broadway, 2019.
59th and Grand Army Plaza, 2021.
Pulitzer Plaza, 2021.
47th and 6th, 2022.
81st and Shore Front, 2018.
Coney Island (15th and Riegelmann Boardwalk), 2018.

EXHIBITION

MINERAL FUSION

2024.05.24

La mostra Superstones rappresenta un’audace esplorazione di Giovanni Raspini nel mondo della gioielleria contemporanea. Ogni creazione, dalle collane agli anelli, celebra la bellezza intrinseca e l’unicità dei minerali, esaltando il valore scientifico ed emozionale delle pietre.

PARTHENOPE

2024.05.23

Parthenope, in concorso al Festival di Cannes, racconta il sacro e l’intimo delle prime esperienze e dei primi amori – uno puro e luminoso, l’altro sordido e indicibile – nell’ultimo capolavoro di Paolo Sorrentino.

MIU MIU

MIU MIU TAKES CANNES

2024.05.22

In occasione della 77esima edizione del Festival di Cannes, il 21 maggio Miu Miu ha ospitato un pranzo e un’esperienza Summer Club insieme a Cara Delevingne presso l’Ecrin Plage, un’oasi nascosta nata a Cannes nel 2003.

NEWS

OPERE PRIME

2024.05.21

Negli spazi di Armani/Silos, Giorgio Armani promuove una selezione mirata dei titoli d’esordio di cinque giovani registi italiani capaci di offrire uno spaccato intenso ed espressivo della cinematografia contemporanea.

PHOTOGRAPHY

FRAGILE BEAUTY

2024.05.20

Il Victoria&Albert Museum di Londra presenta più di 300 stampe rare appartenenti a 140 fotografi di fama mondiale. Una grande esposizione fotografica che narra la storia del XX e XXI secolo grazie alla collezione privata di Sir Elton John e David Furnish.