MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Breath of an Architect

2023.12.11

Text by Chiara Belardi

La Fondation Cartier pour l’art contemporain presenta Breath of an Architect, una mostra realizzata appositamente per l’istituzione dall’architetto Bijoy Jain, fondatore dello Studio Mumbai in India. Il percorso espositivo riflette una profonda preoccupazione per il rapporto tra l’uomo e l’ambiente.

Bijoy Jain immagina la mostra come un’esperienza fisica ed emotiva. Breath of an Architect è un invito a respirare, a vagare nella quiete e a riscoprire il silenzio, un elemento che per l’architetto ha un suono preciso; ne sentiamo la risonanza in noi stessi e collega tutti gli esseri viventi, è il respiro della vita. Sincronizzati in tutti noi, il silenzio, il tempo e lo spazio sono eterni, così come l’acqua, l’aria e la luce, elementi innati. Convocando luce e ombra, leggerezza e gravità, legno, mattoni, terra, pietra e acqua, Bijoy Jain compone in questa mostra un’esperienza sensoriale, in risonanza con tutti i materiali. Realizzata al ritmo del respiro e modellata a mano, l’installazione della mostra è composta da frammenti architettonici. Sculture in pietra e terracotta, facciate di abitazioni tradizionali indiane, pannelli intarsiati, linee di pigmento tracciate con il filo, strutture in bambù e monumenti funerari portati a spalla in memoria di un santo durante il rito sciita. Queste strutture transitorie ed effimere presentano un mondo infinito e intimo al tempo stesso e ci trasportano in luoghi vicini e lontani.

La Fondation Cartier pour l’art contemporain l’ho immaginata come uno spazio abitato da una civiltà in movimento proveniente da un tempo sconosciuto. Un’architettura evocata dall’acqua, dall’aria e dalla luce, un’alchimia tra entità in cambio del loro reciproco affetto ed espressione. Inside Out – Outside In. 

– Bijoy Jain

Photo © Neville Sukhia.
Photo @ Neville Sukhia.
Photo @ Neville Sukhia.
Photo @ Neville Sukhia.

Su suggerimento di Hervé Chandès, curatore generale della mostra e direttore artistico della Fondation Cartier, Bijoy Jain ha invitato anche il pittore cinese residente a Pechino Hu Liu e il ceramista danese di origine turca residente a Parigi Alev Ebüzziya Siesbye a unirsi a lui nella creazione della mostra. In Breath of an Architect l’importanza sulla padronanza del rituale del gesto arriva fino alla risonanza e al dialogo con la materia; tutto in mostra condivide la stessa etica e sensibilità. I disegni monocromi neri di Hu Liu sono realizzati con la grafite, ripetendo iterazioni dello stesso movimento per rivelare l’essenza degli elementi naturali: l’erba è accarezzata dal vento, le onde e i rami degli alberi, questi riescono a trasmettere una solennità senza tempo. Anche le ceramiche di Alev Ebüzziya Siesbye sono il culmine di una grande abilità e destrezza, nonché di un intenso dialogo con l’argilla, cruciale nel suo lavoro.

Domaine de Beaucastel, Vaucluse. ©Giacomo Monari
Photo ©Ashish Shah.
Photo ©Ashish Shah.

Essere un architetto significa considerare la realizzazione delle cose, di essere immersivi e attenti all’ambiente, ai materiali e ai suoi abitanti, per la necessità che lo spazio e l’architettura siano inclusivi.

– Bijoy Jain

Per maggiori informazioni fondationcartier.com

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.