MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

BORN IN OASI ZEGNA

2024.04.24

Testo di Francesc Fontanesi

Born in Oasi Zegna, il nuovo volume da collezione di ZEGNA, è un racconto scritto e visivo che intende portare ovunque l’etica della maison. Proprio come l’Oasi nata tra le Alpi Biellesi, anche il libro si pone come un vero e proprio organismo vivente.

Born in Oasi Zegna è un documento senza tempo, un playbook, un racconto visivo che germoglia dal seme originale di ZEGNA e intende portare quel seme nel mondo per farlo germogliare ancora e ancora. Seguendo il ciclo delle stagioni, quindi un tempo circolare e quasi fuori dal tempo stesso, o al di sopra di esso, pullula di immagini, illustrazioni, parole, frammenti storici, fusi in un loop infinito cui si può accedere da ogni pagina. Born in Oasi Zegna rende palpabile l’etica che sottende a tutto quel che avviene nel mondo del brand. È un’etica che tiene insieme persone e ambiente, valori e benessere, in un sistema di azioni verticalmente integrato: un mindset.

L’Oasi Zegna è una riserva naturale che si estende per 100 km² nella cornice delle Alpi Biellesi, in Piemonte. Agli inizi del secolo scorso, Ermenegildo Zegna intraprese un vasto programma di riforestazione nell’area montuosa attorno al suo Lanificio e collegò per la prima volta i due versanti della montagna attraverso la costruzione della strada 232. Il progetto di rimboschimento e di sviluppo della comunità locale che ha dato vita all’Oasi Zegna oggi conta più di 500.000 alberi e promuove la coesione e l’armonia tra uomo, impresa e natura. La visione del fondatore è stata coltivata dalle generazioni successive, che continuano a preservare l’Oasi Zegna come modello unico di consapevolezza sociale e ambientale. L’Oasi Zegna è la casa dei valori Zegna. Il centro di tutto, la ragione del suo essere e il germe di futuri sviluppi. È la testimonianza di un’autenticità reale e coinvolgente. L’Oasi Zegna adesso viaggia, e non solo come mindset. Milano è la prima tappa del suo nuovo viaggio: Le nuove aiuole di Piazza Duomo saranno ufficialmente donate alla città di Milano il 19 Aprile, dando inizio al progetto che si pone come obbiettivo la creazione di nuove Oasi Zegna nel mondo. Il fine è trasmettere il valore e l’urgenza del rispetto per la terra e la natura, nonché l’importanza degli spazi verdi urbani nell’avvicinare le persone agli ecosistemi naturali e alla tutela della biodiversità e della responsabilità sociale, concetti fondamentali nell’Oasi Zegna. Racchiusa in un libro che distilla l’emozione nella sua forma più pura per parlare a tutti attraverso i sensi, Born in Oasi Zegna incarna lo spirito di ZEGNA in una forma inaspettata.

Per maggiori informazioni zegna.com.

JUST READ ART

2024.05.17

Il Guggenheim Museum di New York presenta Jenny Holzer: Light Line, un’interpretazione rivisitata dell’installazione storica dell’artista del 1989, considerata un capolavoro dell’arte testuale.

FASHION

Letter to the Future

2024.05.16

Elementi come la decostruzione, l’asimmetria e l’androginia sono testimoni dell’influenza straordinaria di Yohji Yamamoto nella moda contemporanea. La nuova mostra negli spazi di 10 Corso Como presenta un percorso di corrispondenze tra le riflessioni del designer sul senso del futuro e una selezione di capi di archivio volti al superamento della dimensione cronologica.

TALK

UNVEILING Fotinì Peluso

2024.05.13

Il mare diventa veicolo per spostarsi ma anche di incontri tra persone, di raggiungimenti di mete e di partenze. Fotinì Peluso, classe 1999, diventa protagonista nel ritmo incalzante della Cruise di Chanel per l’Estate 2024, concepita e realizzata sotto al cielo plumbeo della costa francese.

CULTURE

STEVE MCQUEEN: BASS

2024.05.10

La nuova mostra di Steve McQueen al Dia:Beacon di New York utilizza solo gli elementi strutturali più basilari del cinema per offrire un’esperienza che parla sia del passato che di nuovi modi di essere: la luce e il suono.

EXHIBITION

TESTAMENT TO YOUTH

2024.04.29

Dopo aver studiato presso l’Accademia degli Antwerp Six, Willy Vanderperre intraprende la carriera di fotografo. Da Raf Simons e Dior fino a Jil Sander e Prada, il fotografo belga ha costruito da una rigida educazione religiosa e della solitudine adolescenziale il motore della propria sfera creativa.