MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Saint Laurent Literary Oasis

2024.02.12

Testo di Francesca Fontanesi

BABYLONE, un rifugio culturale nel cuore pulsante di Parigi. L’eredità di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé nel quartiere di Sèvres-Babylone si trasforma in un’esperienza immersiva e silenziosa dedicata alla memoria del duo francese. Letteratura, arte e musica si fondono insieme per far sì che nuove connessioni creative possano fiorire indisturbate.

Era il 1970 quando Yves Saint Laurent e Pierre Bergé si trasferirono in un duplex con vista giardino al numero 55 di Rue de Babylone. Ispirati dall’arredamento della villa dei Noailles, progettata da Mallet-Stevens, Saint Laurent e Bergé scelsero Rue de Babylone per esporre una straordinaria collezione personale di capolavori: ci riuscirono mescolando stili e periodi diversi, affiancando le opere di Francisco Goya a quelle di Andy Warhol, Edward Burne-Jones vicino a Piet Mondrian, Théodore Géricault con Henri Matisse e i marmi romani con i codici Art Deco. Il modo dinamico che scelsero per esporre le loro collezioni permise l’apertura di un dialogo unico e più ampio tra artisti e codici estetici differenti che oggi vengono traslati in una nuova destinazione culturale nel cuore pulsante di Parigi: la libreria BABYLONE. Situata non a caso al civico 9 di Rue de Grenelle, nel 7° arrondissement, Babylone è dedicata ai legami storici di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé con il quartiere di Sèvres-Babylone: il bookshop, precedentemente dedicato agli accessori in pelle Saint Laurent, ha aperto all’inizio di questo mese ed è stato pensato e concretizzato da Anthony Vaccarello, direttore creativo del brand dal 2016. Quest’incarnazione di Saint Laurent Rive Droite offre una collezione internazionale di libri, zines, cataloghi, arte e musica, oltre a innalzarsi come nuova oasi culturale: studiata principalmente come luogo d’incontro nel cuore di Parigi per artisti e innovatori, offre una selezione senza pari di volumi e oggetti da collezione e un calendario di eventi culturali aperti a professionisti e appassionati, dai DJ set agli incontri con gli autori.

 

L’ampia e diversificata esperienza culturale di Anthony Vaccarello gli ha consentito di immaginare e adottare nuovi modi per estendere il DNA Saint Laurent: la libreria, un’oasi sacra nel centro della città francese, comprende anche anche una vasta gamma di nuovi titoli sotto l’etichetta Saint Laurent Rive Droite Editions, fondata nel 2019, quando la maison francese ha inaugurato un nuovo concetto di vendita al dettaglio sulla Rue Saint-Honoré, nella storica sede di Colette. Oltre ai nuovi libri realizzati in collaborazione con artisti del calibro di Jeanloup Sieff, Cai Guo-Qiang, Bruno Roels e Daidō Moriyama, il negozio offre inoltre volumi precedentemente pubblicati in collaborazione con Betty Catroux, Gray Sorrenti, Renato D’Agostin, Nick Turner, Sebastien Zanella, Henrik Purienne, P. Staff e Chronorama Redux. Ogni elemento presente all’interno di Babylone, dai rare findings alle edizioni SLRD, dalle pubblicazioni sovversive alle produzioni originali costituisce un’universo intellettuale. Tra i vinili ci sono Promise di Sade, Hounds of Love di Kate Bush e il primo album in studio dei Kraftwerk.

 

Nascoste tra i libri, fotocamere Leica, sculture di teschi in ottone e articoli accuratamente selezionati del merchandising YSL, tra cui penne, accendini e tazze che fanno da cornice visuale alle foto in bianco e nero di Rose Finn-Kelcey, risalenti al 1977,  accanto a quelle di Juergen Teller.

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.