MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Between text and image

2024.01.09

Testo di Chiara Belardi

Purezza ed eleganza formale unite ad una spiccata sensibilità verso i temi critici contemporanei sono le caratteristiche dell’opera di Astrid Klein. La mostra alla galleria Sprüth Magers di New York indaga in modo esaustivo la pratica di una delle artiste contemporanee più affascinanti, che vede come protagonista il rapporto duale tra testo e immagine.

Nei primi lavori di Astrid Klein – realizzati tra il 1974 e il 1977 – l’immaginario simbolico, mitologico ed erotico è combinato con scritte e testi a mano, ed è ciò che sarà predominante in tutto il suo corpus di opere: la riflessione su come l’interazione tra parole e immagini determini la nostra percezione. L’immagine in Klein è sempre un conglomerato di incertezze: collegata, modificata, tagliata, incisa, oscurata da esposizioni multiple. Anche il testo non è mai presentato come un chiaro filone di significato, ma piuttosto come un frammento che di volta in volta si auto-annulla, una rovina di parole le cui sinapsi si estendono in tutte le direzioni senza trovare un terreno solido. Il lavoro dell’artista tedesca si confronta costantemente con il ruolo delle donne nella società, le idee di successo e fallimento, intercettando i suoi moltissimi interessi nei confronti della letteratura, cinema, filosofia, teoria della percezione e neuroscienze.  Il collage costituisce il principale mezzo espressivo di Klein e le sue opere murali di grandi dimensioni combinano immagini casuali a testi propri o citazioni di ricerche scientifiche per illuminare aspetti soppressi dell’inconscio collettivo e mettere in discussione le strutture di potere e le modalità di rappresentazione convenzionali. La sua opera, che comprende lavori fotografici ma anche sculture al neon e allo specchio, installazioni, pittura e disegni, oscilla tra poesia e critica, scetticismo e desiderio. Le caratteristiche principali della grammatica artistica e intellettuale di Klein possono essere rintracciate nei primi lavori. I cosiddetti Schwarze Bilder o Black Paintings (1974-77) su seta nera raffigurano corpi femminili senza volto in scene in miniatura intrise di mitologia e simbolismo; le loro immagini sono giustapposte a testi scritti a mano e segni simili a geroglifici. La mostra alla galleria Sprüth Magers di New York rappresenta un tentativo di collocarsi al di fuori delle strutture di potere patriarcali e politiche, o almeno di affrontarle.

Astrid Klein - Between Silent Lines, Installation view, Fuhrwekswaage Cologne, November 20, 2023–January 20, 2024. © Astrid Klein.

Astrid Klein ha svolto un ruolo cruciale come controparte europea della Pictures Generation americana fin dagli anni ’70 ed è considerata una pioniera femminile della fotografia su larga scala.

Astrid Klein, Untitled (powerless...), 1979. © Astrid Klein.
Astrid Klein, Untitled (your mind is your own), 1979. © Astrid Klein.
Astrid Klein, Untitled (je ne parle pas, ...), 1979. © Astrid Klein.
Astrid Klein - Between Silent Lines, Installation view, Fuhrwekswaage Cologne, November 20, 2023–January 20, 2024.

Conosciuta per la sua estetica moderna ma intellettuale e di forte intensità emotiva, l’opera di Klein spazia su oltre quattro decenni e ha l’intento profondo di invitare gli spettatori a esplorare e sperimentare realtà estetiche e intellettuali, creando un ricco intreccio che unisce varie discipline e prospettive. Astrid Klein è una di quelle artiste necessarie oggi poiché capace di smantellare e destabilizzare la pittura convenzionale minando le strutture rappresentative. La grammatica usata nei primi collage, tra cui l’iconico Les tâches dominicales (1980), incorpora materiale visivo tratto da fotoromanzi e fotogrammi di film della Nouvelle Vague francese e del neorealismo italiano. Klein tratta le immagini e il testo come elementi visivi di pari importanza. In questo modo, non solo spoglia il materiale fotografico di partenza della sua logica narrativa, ma lo arricchisce di senso e di sottile turbamento, si confronta furbamente con la cultura dei media e getta luce su questioni politiche e socio-critiche. Mentre in alcuni dei primi collage Klein utilizza il nastro adesivo etichettato con la macchina da scrivere per collegare singoli elementi dell’immagine, le opere fotografiche su larga scala dell’artista sono create in un complesso processo di camera oscura che prevede l’ingrandimento del materiale trovato in più fasi, la stratificazione e l’aggiunta di elementi di disegno. Il collage risultante viene condensato in un’unica stampa fotografica di grandi dimensioni. Serie come CUT I-X (1986-96) o Frauenbilder (2002-05) mostrano, quasi in virtù del loro mezzo, come tutte le strutture di potere e di rappresentazione – e le ideologie storiche e sociali che esse comportano – non siano altro che costrutti culturali. Che si tratti di immagini di donne prese dai mass media, in cui si incontrano l’autoaffermazione e la proiezione maschile, o di foto nere e luminose in cui incombe l’oscurità della storia tedesca, l’artista cerca sempre di evitare determinazioni semplici e definite. La misura in cui cerca la bellezza anche negli aspetti compromessi e violenti è chiaramente mostrata nelle sue opere specchianti, che sono state sparate e parzialmente distrutte con un martello e che hanno giocato un ruolo importante dal 1991. Questo non è solo il luogo in cui apparenza e realtà, splendore e distruzione si incontrano; nel lavoro della Klein lo specchio è anche il luogo in cui il Sé viene incontrato come l’Altro (cioè lo specchio invertito). Qualunque sia il mezzo utilizzato da Astrid Klein, l’obiettivo finale del suo lavoro è sempre colpire lo sguardo dell’osservatore. Le opere in mostra a Sprüth Magers, toccanti e d’impatto, interrogano lo spettatore sui propri costrutti sociali e sui propri modi di stare al mondo.

Astrid Klein, Untitled, 1993. © Astrid Klein.

Per ulteriori informazioni spüthmagers.com

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.