MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Roe Ethridge

2022.12.14

American Polychronic è un viaggio visivo unico e sovversivo che il lettore compie attraverso le pagine del libro, una raccolta di immagini del fotografo americano Roe Ethridge. L’artista si racconta attraverso scatti caratteristici e riconoscibili, che fondono i confini tra i generi storici dell’arte stessa. 

Roe Ethridge sperimenta la fotografia fin da piccolo iniziando ad osservare vecchie diapositive di suo padre. Inizia la sua esperienza mantenendo un’inclinazione concettuale delle immagine, ma si accorge molto presto che il lavoro può risultare nettamente superiore quando realizzato d’istinto, caratteristica che l’artista sviluppa nel tempo per poi diventare uno degli elementi che lo distingue. Nelle sue fotografie, Roe Ethridge utilizza il reale per suggerire, e spesso anche sconvolgere, l’ideale. Il fotografo americano con i suoi scatti riesce a rivelare in modo del tutto unico il confine sottile tra il generico e il personale fondendo generi storici dell’arte come la natura morta o il ritratto con una cultura dell’immagine presente e contemporanea. Nel nuovo catalogo, intitolato American Polychronic e pubblicato da MACK, le immagini sono forti e si riconosce immediatamente il carattere sovversivo dell’artista. La prima fotografia del libro svolge un ruolo molto importante per Ethridge perché segna un netto cambiamento nella sua personale estetica e l’inizio della sua carriera: uno scatto del suo frigorifero giallo nella sua abitazione ad Atlanta scattata per il New York Times che lui identifica come un vero e proprio ritratto di famiglia perché appaiono tutti gli elementi che la rappresentano. Le fotografie presenti sono realizzate dal 2000 al 2021 e sono disposte all’interno del libro seguendo due filoni principali: il suo lavoro artistico e personale è ordinato cronologicamente, mentre la fotografia commerciale è in senso cronologico inverso, creando una sequenza armonica e allo stesso tempo contrastante, da qui il titolo dell’opera.

Roe Ethridge, ‘Oslo at Willet’s Point, 2019’.

“Una sequenza deve cantare. Non è solo qualcosa da decodificare e di cui trovare il vero significato. Devo riuscire a sentire le sue armonie e disarmonie. È come un figlio.”

– Roe Ethridge

Roe Ethridge, ‘Decanter with Fish for Tiffany, 2017’.
Roe Ethridge, ‘Dawn Patrol, 2008’.
Roe Ethridge, ‘Refrigerator, 1999’.

Sfogliando le pagine del libro si nota come i diversi generi che sviluppa Ethridge nella sua fotografia si mescolano tra di loro alternando in modo giocoso immagini di moda a scatti quotidiani sottolineando il personale e il generico. Come artista affermato da oltre 20 anni nel mondo dell’arte e della moda, il lavoro di Roe Ethridge si distingue da sempre per aver celebrato ciò da cui la maggior parte delle persone distoglierebbero l’attenzione. Le immagini più famose presentano dettagli inaspettati che a volte sconvolgono l’osservatore: il naso sanguinante sulla copertina dell’album I Get Wet di Andrew WK, la muffa sulla frutta, o ancora l’occhio con un grande livido nel suo autoritratto del 1999. L’artista è attratto dall’umana imperfezione e afferma che in molti casi, anche inconsapevolmente, si tende a scegliere un’immagine che presenta alcuni difetti piuttosto che una perfetta.

 

Per maggiori informazioni mackbooks.eu.

Roe Ethridge, ‘Laila Gohar with Egyptian Sunday Dinner, 2019’, from AMERICAN POLYCHRONIC (MACK, 2022). Courtesy of the artist and MACK.

MFW

Rome meets London in FENDI

2024.02.22

La nonchalance londinese incontra la libertà romana nella collezione FW 24 FENDI, dove l’utilità diventa una dichiarazione di intenti. Abiti moderni e confortevoli si ispirano alla cultura british per una ricerca teatrale visiva e tessile.

PHOTOGRAPHY

Roe Ethridge. Happy Birthday Louise Parker

2024.02.21

Restituito alla città come importante spazio per la diffusione culturale, il piano espositivo svela per la prima volta al pubblico la prima parte di programma che intreccia – con un respiro internazionale – arti visive, moda, design e panorama editoriale. Un’esperienza inedita di scoperta e fruizione porta il visitatore ad attraversare gli ambienti in un climax ascendente.

Miranda July: New Society

2024.02.21

Osservatorio Prada presenta la prima mostra dedicata all’opera di Miranda July che ripercorre la carriera trentennale dell’artista, regista e scrittrice americana attraverso i suoi cortometraggi, performance e installazioni.

ART

MANUALE D'ISTRUZIONI

2024.02.16

Yoko Ono: guida per una rivoluzione artistica e sociale. Dalle avanguardie Newyorkesi alla Pop Art, Ono è stata ed è tuttora una pioniera dell’arte concettuale e partecipativa, del cinema e della performance degli anni Novanta. Coprendo più di sette decenni, Yoko Ono: Music of the Mind è la più grande mostra nel Regno Unito dedicata a uno dei più grandi simboli chiave del secolo breve.

CULTURE

Saint Laurent Literary Oasis

2024.02.12

BABYLONE, un rifugio culturale nel cuore pulsante di Parigi. L’eredità di Yves Saint Laurent e Pierre Bergé nel quartiere di Sèvres-Babylone si trasforma in un’esperienza immersiva e silenziosa dedicata alla memoria del duo francese. Letteratura, arte e musica si fondono insieme per far sì che nuove connessioni creative possano fiorire indisturbate.