MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

A RETURN TO FOUNDATIONS

2023.09.27

Text by Lucrezia Sgualdino

SAINT LAURENT BY ANTHONY VACCARELLO

 

La collezione Primavera Estate 2024  è un inno alla semplicità della moda più pura, alla volontà di rendere omaggio a quegli elementi essenziali che hanno creato la storia della Maison. 

Anthony Vaccarello decide di portare in passerella una donna ultra semplice ma allo stesso tempo ultra chic, descritta in una collezione ridotta all’osso, all’essenziale. La volontà del Direttore Creativo è stata quella di eliminare ogni orpello e decorativismo che attanaglia la visione della moda tradizionale. La donna SL è pragmatica, ha un atteggiamento severo ma allo stesso tempo femminile e sensuale. Le proposte sono occasioni da giorno con silhouette più morbide e sciolte rispetto al carattere delle passate stagioni. Vaccarello decide di puntare su una nuova tela, bianca e incontaminata, su cui poter disegnare e costruire un nuovo capitolo del brand, omaggiandone l’heritage e i caratteri distintivi che riecheggiano nelle menti di chi osserva e si vede invece trascinato a capofitto in un mondo di omologazione. La rivisitazione del quiet luxury diventa per Saint Laurent un’intuizione in cui caratteri di femminilità e mascolinità collimano nella chiara ispirazione alle donne pilota e aviatrici. Amelia Earhart e Adrienne Bolland sono solo due delle personalità pioniere che hanno fatto parte della ricerca del designer, e che hanno permesso di raggiungere un risultato in pieno stile SL: una raffinatezza assertiva, un connubio di guardaroba, e una scelta libera. 

saint laurent by Anthony vaccarello.

“Vedo così tante cose complicate, così tanti ricami, così tante cose decorative, che volevo togliere tutto, non fare più del necessario. Creare una tela pulita. Cominciare un nuovo capitolo per Saint Laurent.”

– Anthony Vaccarello

La giacca sahariana è l’elemento chiave attorno al quale si sviluppa il racconto dell’intera collezione, una chiara ispirazione al mondo del Nord Africa, nel quale il fondatore Yves Saint Laurent è cresciuto. Un bagaglio culturale d’inestimabile valore e di continua suggestione. Creata per la prima volta in un pezzo unico in occasione di un servizio su Vogue Paris nel 1968, si è trasformata poi in un capo cardine per la Maison, diventando oggetto di desiderio sia per il guardaroba femminile che per quello maschile. La Safari jacket viene presentata su pantaloni maschili morbidi con tagli e pence importanti, completi che vediamo nei colori del nero, verde, beige, crema, marrone e bordeaux. I tagli e le linee rimangono rigorosi, come i volumi delle jumpsuit d’ispirazione utilitaria. La femminilità più determinante appare nelle trasparenze dei top, negli abiti a camicia e nelle gonne dritte al ginocchio con tasche applicate e cinture di pelle in vita. Anche la scelta dei materiali si riduce al necessario: il cotone e il lino occupano tutto il défilé, ad eccezione della mussola che contraddistingue le ultime uscite da sera. 

I make-up sono ispirati agli anni ’80, con capelli laccati indietro a scoprire il volto, il rossetto rosso ad accendere i volti delle muse che sfilano e che sfidano con lo sguardo l’orizzonte lontano. I gioielli hanno un’importanza indiscutibilmente unica, l’oro e l’argento si uniscono in orecchini dalle forme importanti che illuminano il viso e il décolleté, i grossi bracciali rigidi vengono indossati su morbidi guanti di pelle, quasi a voler donare un’aspetto di preziosità anche ad un accessorio apparentemente banale. Gli occhiali da aviatore completano quasi tutti i look, con lenti scure e linee fascianti. I tacchi, vertiginosi, e declinati negli stessi toni della palette colori dei tessuti impiegati per i look, sono ormai un tratto distintivo della femminilità a cui Vaccarello non può più fare a meno.

“Non fare quasi nulla per me è difficile, soprattutto quando devo realizzare una camicia e un pantalone.”

– Anthony Vaccarello

Quello che appare di diverso in relazione alle ultime collezioni è la voglia e forse necessità di dedicare più spazio alla portabilità dei pezzi, creando molte più proposte di couture daywear e meno abiti pensati per la sera. La direzione del Direttore Creativo appare semplice e umile, decisa a ridare importanza a quel glamour parigino fatto di forza e consapevolezza nelle donne. Con quest’ultima collezione estiva vi è una spinta in più, una voglia ancora più sentita ed evidente di raccontare una visione caleidoscopica di un mondo moderno in continua evoluzione, in cui però i valori della moda, della contemporaneità e della sofisticatezza rimangono ben saldi alla storia. Un’eleganza morbida, innovativa e visionaria. Un sapore d’Africa e di terre lontane nella volontà di radicarsi in un heritage così importante.

saint laurent by Anthony vaccarello.
DEMI MOORE AND KATE MOSS.
DOVILE drizyte and JUERGEN TELLER.
KIKO MIZUHARA.
SHALOM HARLOW.
EMMA MACKEY.
IRIS LAW.

VERSACE JEANS COUTURE

METROPOLITAN NOCTURNES

2024.04.15

Traendo ispirazione dal suggestivo lavoro di Philip-Lorca DiCorcia, Metropolitan Nocturnes – la nuova campagna Versace Jeans Couture – racconta le vite intrecciate di quattro individui distinti. Ogni personaggio naviga l’interazione che nasce dall’energia di Miami e i propri paesaggi interiori.

COLLECTION

Exceptional Frenchness

2024.03.12

Hedi Slimane bilancia alla perfezione il raffinato con il casual. Le giacche da equitazione in tweed reinventano i codici Celine, mentre i trench romantici alleggeriscono gli spazi di Salle Pleyel.

SAINT LAURENT

GARBO MASCHILE

2024.03.06

Anthony Vaccarello rivisita i classici maschili con un tocco contemporaneo. I completi sono ampi, morbidi, staccati dal corpo, spesso in stoffe leggere e trasparenti, a volte impiegate a più strati. Il georgette e il satin di Saint Laurent sono avvolti da una palette cromatica ombrosa.

FASHION

Eternal Sunshine of the Spotless Mind

2024.03.06

Miu Miu esplora il nostro personale vocabolario vitale. Aprono la collezione una varietà di interpretazioni delle uniformi e degli abiti classici; sfilano chirurghi, assistenti, insegnanti, cameriere. La giovinezza dark di Miuccia Prada è incapsulata nelle proporzioni contratte e nei colori a contrasto. Un preludio futuristico introduce lo spettatore alle complessità della memoria umana.

COLLECTION

A DECADE-LONG ADVENTURE

2024.03.06

IT’S A BEAUTIFUL JOURNEY. I’M CONTINUING IT.

 

Una chiara retrospettiva nel lavoro di Nicolas Ghesquière per Louis Vuitton è la collezione andata in scena per l’Autunno-Inverno 2024-2025. Un decennio di moda che ricorda forti emozioni, riflessioni e sentimenti.