MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

ON WASHI

2024.02.06

Testo di Chiara Belardi

Il processo di creazione di ISSEY MIYAKE indaga il concetto di ma, lo spazio vuoto tra abiti e corpo. Diramandosi negli store GINZA e SEMBA  la mostra riflette nuovamente questo significato attraverso lo studio della tradizionale carta Washi come uno dei materiali con i quali il brand lavora per espandere le possibilità che ma porta con sé.

Sin dall’antichità, nella cultura giapponese la carta washi – il cui ciclo vitale inizia e finisce con la terra – è stata una risorsa indispensabile per la quotidianità. Comprendere e lavorare questo materiale, instaurandovi un vero e proprio dialogo, riflette la natura stessa del brand ISSEY MIYAKE ed è coerente con il suo impegno nell’integrare l’artigianato tradizionale giapponese in un modo di vestire pensato per la contemporaneità. La mostra On Washisi dirama all’interno degli store di Tokyo e Osaka e include una speciale installazione realizzata con la carta washi che ricorda quanto presentato a Parigi in occasione della sfilata Spring Summer 2024. Creata con l’artista Yoshihisa Tanaka, è corredata da un film documentario e una video intervista a Tanaka e all’ head designer di ISSEY MIYAKE, Satoshi Kondo. La carta washi impiegata è il prodotto della continua ricerca e sviluppo del marchio insieme ad artigiani, ingegneri e produttori in tutto il Giappone. Il modo in cui si muove e si trasforma organicamente rispondendo ai cambiamenti dell’ambiente circostante, richiama un elemento vitale. Questa naturale fluidità e giocosità sono parte integrante del design and making di ISSEY MIYAKE. Il washi viene utilizzato da oltre 1.000 anni come tessuto per l’abbigliamento, in particolare nel nord del Giappone – la sua struttura lo rende molto più resistente della carta normale – per questo e non solo Issey Miyake ne rimase affascinato durante la sua vita, utilizzandone le fibre uniche nelle sue collezioni, mescolate con poliestere o cotone per creare nuovi tessuti innovativi.

“Ho immaginato un’installazione di carta washi in cui i pezzi trasmettessero tutti queste qualità al massimo e per questo ho fatto molti studi cercando di trovare le loro dimensioni appropriate rispetto alla scala del luogo.”

– Yoshihisa Tanaka

In effetti, il fascino storico di Miyake per il washi è indice del suo più ampio approccio pionieristico: il connubio tra tradizione e modernità, artigianato e innovazione, la capacità di partire da un semplice quadrato di carta per arrivare a una nuova e audace proposta di tessuto, texture o forma. La carta Washi è anche tradizionalmente utilizzata per gli origami, un’altra storica forma d’arte giapponese che ha affascinato Miyake e alla quale sono stati spesso paragonati i suoi abiti scultorei e intricati.  Un pezzo di carta washi, una volta plissettato e piegato, può essere facilmente portato in giro in un formato compatto, e si può appendere facilmente fissando un solo punto. Oggi ogni collezione che il team Issey Miyake compone è un riflesso di ciò che abbiamo imparato precedentemente, poiché la filosofia del fondatore e il suo approccio al design e alla produzione sono il fondamento dell’identità del marchio e la fonte di ispirazione per la ricerca sul design di questo brand. Un senso di gioia e meraviglia, alla base di tutta la ricerca, sembra rimanere fedele e stabile. I capi sono progettati per un senso di facilità e leggerezza, regalando così giocosità, presente nella progettazione e nella realizzazione stessa di un capo, e può anche portare alla meraviglia. Si tratta di progettare e realizzare un capo che non sembra tale, soprattutto quando è steso, e solo nel momento in cui lo si prende in mano e lo si indossa ci si rende conto che è indossabile. Tuttavia, la fama mondiale di Miyake si deve alla capacità di combinare moda, tecnologia e artigianato. Innanzitutto inventando la tecnica secondo cui il vestito doveva essere realizzati da un unico pezzo di tessuto. Poi insistendo all’infinito sulla plissettatura e le tradizionali tecniche di piegatura giapponesi. Le pieghe a fisarmonica dei suoi modelli potevano però essere lavate in lavatrice, senza perdere la loro forma e offrivano la facilità dell’abbigliamento da casa. Così, oggi, come nelle migliori tradizioni giapponesi, la fabbrica utilizzata da Tanaka continua l’antico rituale di produrre carta washi a mano, anche se per questo progetto ha utilizzato una piccola macchina per produrre carta in rotoli di centinaia di metri.

“Descrivo la reazione degli abiti come qualcosa che parla e risponde al movimento di qualcuno che passa, nonché ai cambiamenti risultanti nel flusso d’aria, nell’onda sonora, nell’umidità e persino nelle emozioni della persona.”

– Satoshi Kondo

POWER IS OUTSPOKEN

2024.02.28

Un elegante senso di potere pervade l’ultima sfilata Saint Laurent. C’è una dualità che unisce eleganza e provocazione, una convergenza carnale tra abito e corpo. Rivisitando i codici di Yves, bluse, camicie, gonne ultra-aderenti e abiti in seta culminano in un potentissimo immaginario estetico.

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

FALL/WINTER 24

IMPALPABILI VISIONI

2024.02.26

Armani opta una palette di tonalità gioiello e un’inedita enfasi sul nero. L’attenzione ai dettagli ricamati sposa un’eleganza semplice, mentre un messaggio di poesia e speranza passa attraverso i contorni dei fiori d’inverno.

Jil Sander

Linee semplici, massimo impatto

2024.02.25

La collezione FW24 di Jil Sander abbonda di silhouette arrotondate e linee morbide, ma con carattere. L’equilibrio tra forma e comfort riempie i cappotti avvolgenti e i dettagli sartoriali: ogni capo riflette una ricerca costante di sofisticazione senza sforzo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.