MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

IL CODICE GIVENCHY

2024.03.01

Testo di Francesca Fontanesi

Dai completi sartoriali agli abiti da sera, ogni pezzo è arricchito da dettagli che richiamano l’eredità della Maison. Una sinfonia cromatica cinematografica, dal nero al blu navy, conferisce alla collezione la tipica audacia Givenchy mentre scollature grafiche e formalità sartoriale plasmano una silhouette distintiva.

La sfilata di Givenchy si apre con un abito da cocktail ricamato di perline argentate, seguito da una collezione raccolta ma audace di completi sartoriali. I completi, caratterizzati dai bottoncini rivestiti di tessuto e dagli anelli da mignolo infilati nelle asole, precedono gli abiti da sera, quasi sempre adornati da una fascia di tessuto appoggiata sul collo o sulla schiena, un dettaglio sottile ma intrigante ispirato dagli archivi della Maison. In altri abiti, la vita – drappeggiata e raddoppiata – evoca una silhouette con baschina, altro segno distintivo di Hubert. Anche i cappotti seguono lo stesso schema: un trench a doppio petto con retro a scarabeo trasforma questi elementi spesso associati all’abbigliamento da sera  in capi di abbigliamento quotidiano. Tutto ciò attraverso un cromatismo cinematografico che rispecchia un gusto deliziosamente parisienne, spalmato su una tavolozza di colori che va dal nero al blu navy, dall’azzurro carta da zucchero al rosso cardinale fino allo zaffiro. In questa FW24 firmata Givenchy, scollature grafiche e pure diventano di conseguenza i punti focali degli abiti da giorno, costruiti con colletti in vetro tagliato, abiti corsetto con scollature a forma di rondine, bustier e abiti in pelle e velluto con décolleté legate da fiocchi rigidi a forma di petalo, un tema che permea tutta la collezione. In contrasto con le scollature, drappeggi scenografici definiscono le linee sartoriali che si manifestano anche nelle maglie oversize, così come nei mini abiti neri a bustino e gonne dal forte taglio architettonico. C’era un che di anni Ottanta nei cappotti di pelliccia oversize e nelle giacche dalle spalle rigide e dritte. L’alta sartoria è particolarmente evidente nei lunghi cappotti a spina di pesce in lana o in jacquard, e negli ampi pantaloni abbinati ai gilet.

Nelle creazioni di Hubert de Givenchy, il contesto che si nascondeva dietro i suoi sofisticati esterni è spesso suggerito dai dettagli del taglio: scollature seducenti, drappeggi audaci, volumi eccentrici.

Il linguaggio delle forme ritorna nei soprabiti e nei caban sagomati con volumi a trapezio, così come nei cappotti a taglio rotondo e nelle stole in pelliccia sintetica. Le forme evocano l’Haute Couture, ugualmente sperimentata nelle giacche e nei blazer strutturati con tasche a vista, nei cappotti da smoking, nelle pellicce in alpaca e con frac. I pantaloni riprendono le linee della collezione grazie alle forme voluminose, gli orli tagliati manualmente sembrano quasi infilati nelle scarpe e nei jodhpurs con profili alla caviglia e spacco posteriore. Una sensibilità evocativa si manifesta nella tattilità delle trame e nelle decorazioni dei tessuti.

Riemergono i motivi d’archivio rivisitati in occasione della Fall/Winter 2024 Menswear: il Monogram 72 a diamante è ripreso su un abito sartoriale; la grafica a lampadario si trasferisce in un abito laminato in pizzo con gocce di perle metalliche; e il motivo iconico a pelo di gatto viene riproposto in jacquard con particolari in lurex su abiti sartoriali e bustier. Le paillettes sono applicate nella versione in velluto su un peacoat piumato e in formato lucido. Ispirati dall’heritage della Maison, le collane e i bracciali di grandi dimensioni sono realizzati in cristallo e smalto. Pendenti a forma di felino abbelliscono i collier, insieme agli orecchini, i bracciali e gli anelli in metallo. Il motivo del fiocco, ricorrente nelle sfilate di questa stagione, si concretizza nei fermacapelli. Lo ritroviamo anche nei guanti in pelle, diventando poi il dettaglio distintivo delle calzature: il fiocco abbellisce le décolleté sling-back a punta e le ballerine con lacci a punta quadrata. Lo stivale Shark Lock riappare in scena in una nuova versione in satin che arriva sopra il ginocchio. Ornati da cristalli sulla montatura, gli  occhiali da sole Giv Cut rivelano una reinterpretazione contemporanea della montatura. Si passa alle borse: riprendendo le linee sinuose dell’intera collezione, la gamma Voyou è accompagnata dalla P’tit Voyou, una borsa a tracolla dalla forma allungata con cinghie minimal in morbida pelle di agnello e vernice. Il classico Voyou si riduce a una dimensione Nano, realizzata in vitello, oltre alle versioni con chiusura a fiocco in velluto e satin. Fedele al proprio passato, la Pumpkin viene reimmaginata in morbido vitello screziato e come borsetta da sera in velluto, con catenelle e anelli sovradimensionati. L’Antigona cambia forma tra modelli cubici e amplificati, in pelle goffrata o graffiata.

VERSACE JEANS COUTURE

METROPOLITAN NOCTURNES

2024.04.15

Traendo ispirazione dal suggestivo lavoro di Philip-Lorca DiCorcia, Metropolitan Nocturnes – la nuova campagna Versace Jeans Couture – racconta le vite intrecciate di quattro individui distinti. Ogni personaggio naviga l’interazione che nasce dall’energia di Miami e i propri paesaggi interiori.

COLLECTION

Exceptional Frenchness

2024.03.12

Hedi Slimane bilancia alla perfezione il raffinato con il casual. Le giacche da equitazione in tweed reinventano i codici Celine, mentre i trench romantici alleggeriscono gli spazi di Salle Pleyel.

SAINT LAURENT

GARBO MASCHILE

2024.03.06

Anthony Vaccarello rivisita i classici maschili con un tocco contemporaneo. I completi sono ampi, morbidi, staccati dal corpo, spesso in stoffe leggere e trasparenti, a volte impiegate a più strati. Il georgette e il satin di Saint Laurent sono avvolti da una palette cromatica ombrosa.

FASHION

Eternal Sunshine of the Spotless Mind

2024.03.06

Miu Miu esplora il nostro personale vocabolario vitale. Aprono la collezione una varietà di interpretazioni delle uniformi e degli abiti classici; sfilano chirurghi, assistenti, insegnanti, cameriere. La giovinezza dark di Miuccia Prada è incapsulata nelle proporzioni contratte e nei colori a contrasto. Un preludio futuristico introduce lo spettatore alle complessità della memoria umana.

COLLECTION

A DECADE-LONG ADVENTURE

2024.03.06

IT’S A BEAUTIFUL JOURNEY. I’M CONTINUING IT.

 

Una chiara retrospettiva nel lavoro di Nicolas Ghesquière per Louis Vuitton è la collezione andata in scena per l’Autunno-Inverno 2024-2025. Un decennio di moda che ricorda forti emozioni, riflessioni e sentimenti.