MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

IDYLLIC ROME

2023.09.21

FENDI WOMENSWEAR COLLECTION – SPRING/SUMMER 2024

 

Sfila al ritmo di un suono idilliaco la SS24 di Fendi disegnata da Kim Jones – abile nel raccontare fin dal primo look un’atmosfera contemplativa ed emotiva.

È l’idea di una piacevole e romantica passeggiata nelle vie di Roma a farsi strada nella collezione, dove l’ordinario si amplifica e diventa straordinario; come quando in una città particolarmente affascinante si finge di essere in un film ascoltando negli auricolari la colonna sonora preferita. Kim Jones regala voglia di ambizione: indossare degli abiti significa raccontare ai passanti la propria storia, intrecciandone altre fino a che lo stile personale e disinvolto riflette il mondo interiore di chi lo indossa. Sono infatti la tradizione – tutta italiana – e l’armonia delle forme a caratterizzare le scelte stilistiche presentate in chiave quotidiana ma ben radicata nella costruzione del prodotto, qualità da sempre intrinseca nel marchio che a breve festeggerà i cento anni di storia. Le proposte di Kim Jones esplorano la facilità di vestire di una certa libertà romana, dove l’imperfezione diventa una sensibilità umana e dove la ricerca si posiziona nel comfort e nella tranquilla fiducia che abiti e accessori regalano a chi li indossa. Come se la SS24 di FENDI collaborasse a costruire una visione per il guardaroba femminile della donna italiana, cioè a comunicare quel gusto per la concreta e rassicurante semplicità del quotidiano.

“A Roma c’è un’eleganza nella disinvoltura e nel non preoccuparsi di ciò che pensano gli altri: questo è il vero lusso. In questa collezione ho voluto riflettere questo aspetto. Si tratta di donne che si vestono per se stesse e per la propria vita.”

– Kim Jones

Baguette Bag, Fendi.

Vi è quindi un senso di dualità che permea la collezione. Un equilibrio da trovare tra comfort e sfarzo, tra femminile e maschile. Gli abiti infatti sono pragmatici e giocosi, la sartoria si unisce ai materiali maschili, come il finissimo kid mohair, applicati a una sensibilità più fluida e femminile quando combinati con seta e maglieria. Un cappotto over trova un’eco femminile nelle scarpe con la cavigliera in metallo e un pratico fondo borchiato utilizzato per facilitare e mantenere la presa. In breve, l’utilità e il comfort maschili si fondono con un tocco femminile, pensando all’agency di chi li indossa.
Le borse di Silvia Venturini Fendi, Direttore Artistico Accessori e Uomo, sfilano in varie dimensioni, materiali e tecniche, rifuggendo dall’idea di un unico abitudinario modello. La collezione in questo senso gioca con i codici di Fendi, riprendendo l’iconografia delle borse Peekaboo, Baguette, Origami e First, ma introducendo al contempo la nuova Flip, una shopper che si ripiega in una clutch, costruita da blocchi di colore. Anche qui come a ribadire che non c’è una sola donna FENDI.

Flip Bag, Fendi.

“Non si tratta dello spettacolo di essere guardati, ma della realtà dell’indossare e della sicurezza e chic che ne deriva. Non si tratta di essere qualcosa, ma di essere qualcuno.”

– Kim Jones

First Bag, Fendi

Il lavoro svolto sulla palette colori stravaganti è essa stessa una firma, in gran parte ripresa dalla collezione donna primavera/estate 1999 di Karl Lagerfeld per la Maison, da cui sono stati ripresi e rielaborati abiti chiave come la sottoveste in giallo acido e la tradizionale cintura a tendina dei pantaloni sartoriali che viene qui ripiegata per rivelarne la costruzione. Contemporaneamente, il passato di FENDI è reso presente da codici e motivi ricorrenti che risalgono agli inizi della Maison. Il filo conduttore della Selleria lega tutte le categorie, dalle borse ai capi di abbigliamento in pelle, per poi trasformarsi in un filo metallico sulle scarpe, e infine ribadito nei gioielli Filo da Delfina Delettrez Fendi, Direttore Artistico della Gioielleria FENDI. Qui si trova l’apice dell’esplorazione giocosa e astratta del logo FF. Sul concludersi di questa passeggiata immaginaria per le vie romane, andando oltre la Fontana di Trevi e trovandosi sulla passerella della Fashion Week milanese, si vedono sorgere monumentali le iconiche borse Fendi; una scenografia che Jones regala agli spettatori come a voler raccontare ancora una volta l’atmosfera idillica e contemplativa di Roma, la città eterna.

“Quando sono a Roma, ogni giorno cammino dall’hotel al Colosseo indossando i miei auricolari. È come ascoltare la colonna sonora di un film immaginario con i personaggi FENDI che vedo lungo la strada.”

– Kim Jones

COLLECTION

Exceptional Frenchness

2024.03.12

Hedi Slimane bilancia alla perfezione il raffinato con il casual. Le giacche da equitazione in tweed reinventano i codici Celine, mentre i trench romantici alleggeriscono gli spazi di Salle Pleyel.

SAINT LAURENT

GARBO MASCHILE

2024.03.06

Anthony Vaccarello rivisita i classici maschili con un tocco contemporaneo. I completi sono ampi, morbidi, staccati dal corpo, spesso in stoffe leggere e trasparenti, a volte impiegate a più strati. Il georgette e il satin di Saint Laurent sono avvolti da una palette cromatica ombrosa.

FASHION

Eternal Sunshine of the Spotless Mind

2024.03.06

Miu Miu esplora il nostro personale vocabolario vitale. Aprono la collezione una varietà di interpretazioni delle uniformi e degli abiti classici; sfilano chirurghi, assistenti, insegnanti, cameriere. La giovinezza dark di Miuccia Prada è incapsulata nelle proporzioni contratte e nei colori a contrasto. Un preludio futuristico introduce lo spettatore alle complessità della memoria umana.

COLLECTION

A DECADE-LONG ADVENTURE

2024.03.06

IT’S A BEAUTIFUL JOURNEY. I’M CONTINUING IT.

 

Una chiara retrospettiva nel lavoro di Nicolas Ghesquière per Louis Vuitton è la collezione andata in scena per l’Autunno-Inverno 2024-2025. Un decennio di moda che ricorda forti emozioni, riflessioni e sentimenti. 

FASHION

BACK TO DEAUVILLE

2024.03.05

I colori della FW24 Chanel celebrano i cieli della Normandia, mentre i completi maschili donano equilibrio a un tipo di sofisticazione spiccatamente francese, eterea ma radicata.