MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

THE COLD SONG

2023.07.07

Text by Lucrezia Sgualdino 

La nuova collezione Fendi Haute Couture Autunno Inverno 2023 racconta di una tradizione umana e accessibile descritta attraverso una profusione di dettagli unici, una sapiente definizione di silhouette, una gestualità costruita e potente. 

Kim Jones, insieme agli artigiani della Maison, pensa ad una proposta che appaia leggera, ma con un senso di volume insito nella stessa, fluida e semplice come i drappeggi che la costruiscono. Non si parla più di costume, e quindi di un aspetto rigido e impostato della moda femminile, bensì di un sentimento più morbido, leggiadro e cedevole. La donna Fendi è infatti alla ricerca di morbidezza e flessibilità dei capi e delle vestibilità, di sensualità ma allo stesso tempo anche di rigore. Non si parla più di mero apparire, ma si riporta l’attenzione all’atto di indossare e alla bellezza stessa di farlo. L’idea di semplicità appare chiara e si fonde con intrecci e ricerche nascoste; volumi, drappeggi e forme scultoree dei look sono raggiunti da tagli complessi e rigorosi, simbolo della grande abilità creativa e artigiana della Maison. 

“Questa stagione abbiamo voluto concentrarci sul raggiungimento di fluidità, drappeggio e forma attraverso tecniche couture, unendo questi elementi all’attitudine di oggi.”

– Kim Jones

Sete di seconda pelle sono proposte accanto a maglie intricate in un unico pezzo oppure abbinate a pellicce sartoriali drappeggiate in neoprene e shearling, con applicazioni di piume FENDI chevron. Il corsetto esterno vuole rappresentare quest’idea di costrizione scomposta, che lascia spazio alla comodità e al comfort. Abiti gioiello, ricami in cristallo, drappeggi e linee di un estrema eleganza elevano l’estetica e la sartoria. La precisione e l’emozione degli abiti viene ripresa anche nella gioielleria, pensata da Delfina Delettrez Fendi come l’unione di reale e raffinato che esiste e coesiste in simbiosi con il défilé. Una tendenza di colori FENDI che comprende unici diamanti bianchi e gialli, zaffiri Padparadscha e spinelli verdi, arancioni e rosa. La sola proposta di spinelli rosa che compongono la parure Undarum ha richiesto quarant’anni per essere assemblata e probabilmente non verrà mai più replicata in natura. L’elemento che definisce l’immenso carattere prezioso della collezione ha la sua massima espressione nelle sapienti tecniche di ricamo impiegate per l’occasione che uniscono il mondo della moda a quello della gioielleria. Le modelle stringono tra le mani la loro minaudière scrigno e sono letteralmente disseminate di abbellimenti simili a gioielli o ricoperte da una stratificazione di intricate paillettes e pietre. 

“C’è un rapporto emotivo che ho con i gioielli della collezione e che spero abbiano anche le donne che li indosseranno.”

– Delfina Delettrez Fendi

L’intento del lavoro è stato quindi quello di realizzare una collezione che si avvicinasse quanto più possibile alla femminilità unica di una donna ambiziosa e sofisticata. L’intera proposta ha un rapporto diretto ed intimo con il corpo, diventa una vera rappresentazione profonda e persona della donna e del guardaroba femminile. Lo show diventa lo spazio per un abbigliamento da sera di lusso, che è sobrio e consapevole. La visione del direttore creativo per l’Haute Couture Fendi mira a raggiungere l’estetica che ha stabilito lavorando su forme drappeggiate e avvolte, in un approccio minimalista anni Novanta che incontra echi e referenze culturali dell’aspetto statuario e architettonico dell’antica Roma, dove Fendi ha sede.

IL CODICE GIVENCHY

2024.03.01

Dai completi sartoriali agli abiti da sera, ogni pezzo è arricchito da dettagli che richiamano l’eredità della Maison. Una sinfonia cromatica cinematografica, dal nero al blu navy, conferisce alla collezione la tipica audacia Givenchy mentre scollature grafiche e formalità sartoriale plasmano una silhouette distintiva.

POWER IS OUTSPOKEN

2024.02.28

Un elegante senso di potere pervade l’ultima sfilata Saint Laurent. C’è una dualità che unisce eleganza e provocazione, una convergenza carnale tra abito e corpo. Rivisitando i codici di Yves, bluse, camicie, gonne ultra-aderenti e abiti in seta culminano in un potentissimo immaginario estetico.

FW24

Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

FALL/WINTER 24

IMPALPABILI VISIONI

2024.02.26

Armani opta una palette di tonalità gioiello e un’inedita enfasi sul nero. L’attenzione ai dettagli ricamati sposa un’eleganza semplice, mentre un messaggio di poesia e speranza passa attraverso i contorni dei fiori d’inverno.

Jil Sander

Linee semplici, massimo impatto

2024.02.25

La collezione FW24 di Jil Sander abbonda di silhouette arrotondate e linee morbide, ma con carattere. L’equilibrio tra forma e comfort riempie i cappotti avvolgenti e i dettagli sartoriali: ogni capo riflette una ricerca costante di sofisticazione senza sforzo.