MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

modern bravery

2023.03.01

La collezione Autunno Inverno 23 di Dior celebra tre personalità forti e coraggiose, simboli di libertà degli anni Cinquanta, trasferendo nei capi il loro carattere ribelle mixato all’essenza romantica propria della Maison francese. 

Maria Grazia Chiuri per la collezione Dior Autunno Inverno 2023 descrive una donna con la forza e la determinazione delle icone del dopo guerra, ma caratterizzata da uno stile bon ton contemporaneo: la designer sfrutta ogni stagione come un’occasione per esplorare l’essenza e il ruolo dell’abbigliamento in relazione al corpo e all’evoluzione della moda. Partendo dalla rilettura degli anni Cinquanta, in passerella viene celebrata ancora una volta la storia della Maison francese, approfondendo tre personalità straordinarie che sono state significative per Christian Dior, la sorella Catherine, Juliette Gréco ed Édith Piaf. Tre donne che condividono un forte spirito di indipendenza che ha guidato per tutta la vita le loro scelte: ognuna di loro ha saputo sovvertire lo stereotipo femminile che faceva parte della mentalità rigida del periodo dopo guerra. In particolare con Miss Dior, emerge il ricordo del fratello, che l’ha sempre riconosciuta come un’emblema di forza e di libertà. La Chiuri ammira la sua determinazione e il modo in cui ha fatto della Resistenza la sua missione, prendendo la sua vita da combattente come intera ispirazione della collezione per trasformarla in capi forti e fragili allo stesso tempo.

“Penso a tre donne che nella vita di Mr. Dior e nella cultura francese hanno avuto un ruolo da protagoniste:

Catherine Dior, Juliette Greco, Édith Piaf.”

– Maria Grazia Chiuri

dior fw23.
dior fw23.
dior fw23.

I fiori di Miss Dior tornano in passerella reinterpretati su stoffe stropicciate e ribelli grazie ai fili metallici intrecciati al loro interno. Il tessuto danza e crea movimenti tanto da apparire vivo, come il ricordo di Catherine, che durante tutta la sfilata resta impresso nella memoria del pubblico. I capi rivisitano l’archivio della Maison utilizzando i colori primari: rubino, smeraldo, giallo topazio e blu colorano gli abiti midi, i trench in pelle e le giacche imbottite e trapuntate. I look esprimono una sofisticata essenza francese, enfatizzata nei set a quadretti, nel punto vita strettissimo e nelle gonne ampie a corolla. I ricami creano delle sfumature di luce che rendono la silhouette elegante e sinuosa, creando un punto d’incontro tra le nuove tecnologie e la maestosità della couture. Le camicie bianche, come suggerisce il primo look, sono indossate leggermente sbottonate o con la cravatta, abbinate ad una gonna scura e ad un paio di guanti in pelle, delineando una figura di classe dalle linee pulite. Maria Grazia Chiuri lavora sulla collezione rendendo tutto più leggero, come le suggerisce il DNA italiano: il suo occhio attento per l’eleganza si è avvicinato durante gli anni al carattere tipicamente francese di Dior, creando una conversazione tra i due. Le parole dell’iconica canzone di Édith Piaf, che concludono la sfilata, si ritrovano ricamate su t-shirt che urlano “Je ne reggete rien”, rimarcando il carattere ribelle “dell’immagine più pop della cultura francese”. Quelle donne senza rimpianti sono l’esempio per coloro a cui si rivolge oggi la designer, inserendo all’interno dei look elementi forti, quali giacche di pelle, l’utilizzo di fantasie animalier e combat boots. Le lunghezze midi lasciano scoperte le calze leggere e le décolleté con plateau e cinturino alla caviglia, mentre la borsa Caro, dall’abbreviazione del nome di Catherine utilizzato come codice durante gli anni della Resistenza, ritorna anche per questa stagione in passerella. Il ricordo di tre donne così forti e coraggiose sembra camminare accanto alle modelle, circondate dalle maestose installazioni intitolate Valkyrie Miss Dior e realizzate dall’artista portoghese Joana Vasconcelos. La collezione Dior per la prossima stagione è romantica, mixata a un atteggiamento deciso per incoraggiare ed elevare lo spirito delle donne al giorno d’oggi. I look puliti e sobri celebrano l’immagine caleidoscopica di una femminilità disegnata da icone potenti, che suggerisce percorsi emozionali alle nuove generazioni, plasmando i capi secondo il nostro futuro.

“È stato anche un modo per pensare a me stessa: mia madre e mia nonna erano donne indipendenti.”

– Maria Grazia Chiuri

dior fw23.
ANOTHER PIECE
OF ME

2024.05.14

Nella nuova Gucci Cruise 25 artigianato e moda diventano strumenti di unione. Collane di perle finissime sposano le creepers dei nightclub di Soho e King’s Cross, travalicano la cultura e creano un vocabolario umano condiviso.

COLLECTION

ARMANI MARE

2024.05.09

La nuova collezione Armani Mare trasporta la linea estiva in alcune delle più rinomate località balneari del mondo; un’esperienza immersiva nelle atmosfere estive attraverso i colori turchesi e i tessuti in lino firmati Giorgio Armani.

NEWS

ESTETICA E SIGNIFICATO

2024.05.09

La scintilla creativa della capsule tra Oratio e Piero Piazzi nasce dai principi più radicati del Made in Italy. Immaginata secondo una qualità maniacale e con il culto del saper fare, è stata presentata negli spazi di Via Santo Spirito 22, a Milano, per celebrare la sottile arte del saper vestire.

NEWS

Reawakening Fashion

2024.05.08

Il Costume Institute del MET presenta la mostra Sleeping Beauties: Reawakening Fashion. Negli spazi espositivi di Leong Leong, più di duecento capi provenienti da quattro secoli diversi fungono da metafora per la fragilità dell’universo creativo.

COLLECTION

Chanel Radieuse

2024.05.03

Immersi nell’abisso Chanel, la collezione Cruise di Virginie Viard prende la forma di un un sogno subacqueo. Sul tetto de la Cité Radieuse di Le Corbusier, disegni architettonici si mescolano ai tropi marini.