MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

Sartorial Liberation

2023.12.20

Text by Francesca Fontanesi

Dagli stivali bianchi della Space Era di André Courrèges alle immense maniche a sbuffo, il percorso di Bella Baxter attraverso gli abiti riguarda non solo il suo aspetto fisico ma una dimensione di liberazione femminile molto più ampia. I costumi di Poor Things, il nuovo film di Yorgos Lanthimos, saranno in mostra al Barbican Centre di Londra sotto la curatela di Holly Waddington.

The Costumes of Poor Things
Barbican Centre, London
From December 11th, 2023 until January 19th, 2024

 

 

Durante i primi anni della sua nuova vita, Bella Baxter indossa mutandine, rouches, abiti trapuntati e baby-doll. Mentre cresce e scopre la sua voce e la sua sessualità, Poor Things passa al colore, e l’armadio della giovane donna abbraccia strutture più aderenti. Dagli stivali bianchi con le dita dei piedi sagomati, arrivati direttamente dalla Space Era di André Courrèges, Bella finisce per convertirsi al nero quando decide di intraprendere una carriera in medicina: adesso vuole mimetizzarsi con i colleghi uomini, e gli abiti diventano più seri. Ma in questa lezione di autenticità ci sono anche gonne, pantaloncini, corpetti, camicette color carne, crinoline e maniche a sbuffo, vere protagoniste visive di questa storia, poichè–come ha spiegato Holly Waddington, customista del film–quando Emma Stone ha iniziato a girare insieme a Yorgos Lanthimos, le loro dimensioni bloccavano le angolazioni della telecamera: le maniche davano inevitabilmente una sensazione di potere, di una donna che occupa spazio, polmoni pieni di respiro e di aria che accendevano e rianimavano il personaggio. Visitabile fino al 24 gennaio al Barbican Centre di Londra, la mostra dedicata ai costumi di scena utilizzati durante le riprese di Poor Things comprende anche le extension di 120 cm utilizzate su Emma Stone, diventate simbolo di una nuova estetica steampunk-retrofuturista e iperfemminista.

“Sono felice che questi costumi siano esposti al Barbican Centre. Sono sempre stata una grande fan dei suoi spazi, e di tutte le cose meravigliose che accadono qui.”

– Holly Waddington

Parigi, Londra, Lisbona e Alessandria d’Egitto fanno da sfondo al film, ma sono i costumi del nuovo capolavoro di Lanthimos a rappresentare l’evoluzione sociale e sessuale della sua protagonista: influenzato dagli abiti di Busby Berkeley degli anni Venti e dall’intimo francese degli anni Trenta, il cambio di palette segue le sottili sfumature sessuali del film, una tavolozza di morbide tonalità rosa che assomigliano alla pelle umana. Nel design degli abiti, il ruolo e le responsabilità di Holly Waddington vanno oltre la semplice scelta dei vestiti da indossare per gli attori; modelli e stoffe sono la traduzione visiva della storia e dell’evoluzione sociale di un individuo. I personaggi maschili di Poor Things sono fasciati in abiti vittoriani, cupi, stretti in una rigidità psicologica e temporale; le loro tavolozze spaziano dal viola scuro al grigio e al nero. L’unica eccezione è quella di Harry Astley, in linea con un aspetto più affine agli anni Trenta e una mentalità velatamente progressista. Al contrario, Duncan Wedderburn segue un look tradizionale, una figura potente e patriarcale che ambisce a possedere la compagna per soddisfare le proprie esigenze e desideri: per Waddington, è proprio la scelta di giocare con la sua forma fisica, arrotondandolo e minimizzando le spalle, ad aggiungere un tocco grottesco alla caratterizzazione di un personaggio che può sembrare e avanguardista, ma non lo è davvero.

“Avevo diverse moodboard in riferimento ad una designer francese del primo Novecento, Madeleine Vionnet. Vionnet fu colei che ideò il taglio in diagonale negli anni Trenta. Realizzò un vestito chiamato Beehive Dress, un abito da sera nero che combinava tubi e intrecci. Ho pensato che questa combinazione di fasce orizzontali fosse una buona analogia per l’abito da sposa di Bella Baxter: sembrava quasi che il suo vestito da sposa fosse l’espressione di una gabbia, visibile attraverso il tessuto.”

– Holly Waddington

Emma Stone in POOR THINGS. Photo by Yorgos Lanthimos, Courtesy of Searchlight Pictures. © 2023 Searchlight Pictures All Rights Reserved.
Emma Stone in POOR THINGS. Photo by Yorgos Lanthimos. Courtesy of Searchlight Pictures. © 2023 20th Century Studios All Rights Reserved.
Libertà creativa

2024.02.28

Una collezione che ripensa al concetto di moda come manifestazione di potere e piena rappresentazione di creatività, che indaga eredità storica e futuro della femminilità. I look della collezione FW24 di Dior trasmettono la forza radiante di una femminilità pluralistica, autonoma e versatile, riattivando quel momento chiave di libertà creativa di cui Miss Dior è l’emblema.

CULTURE

ANNIE ERNAUX E LA FOTOGRAFIA

2024.02.28

In Exteriors (Journal du dehors) Annie Ernaux si immerge nelle interazioni ai margini della vita quotidiana. Le sue parole diventano il fulcro di una riflessione visiva che si dispiega attraverso una selezione di immagini provenienti dalla collezione MEP di Parigi. Queste fotografie si fondono con il testo di Ernaux, creando una narrazione politica e sociale.

NEWS

We Are Not Going Back

2024.02.27

Il nuovo singolo pubblicato da Wolfgang Tillmans è accompagnato da un video diretto dallo stesso artista, utilizzando filmati di 80 anni fa del nonno Karl R. Tillmans, girati a New York nel 1939 e nella Germania occidentale nel 1949.

PARIS

TRASPARENZE

2024.02.27

Tulle, velluto, organza e cigaline; gli indizi un viaggio attraverso la rivoluzione sessuale del Ventunesimo Secolo sotto lo sguardo del Couturier che ha inciso un’epoca. La nuova mostra al museo di Yves Saint Laurent, a Parigi, ricostruisce l’iconica innovazione tessile degli anni Sessanta made by Yves e non solo.

COLLECTION

SPIRIT

2024.02.25

La collezione FW24 di Maximilian Davis è un’interpretazione degli anni ’20 attraverso una lente moderna, particolarmente ispiratrice, ha offerto una nuova prospettiva sull’eleganza e la ribellione di quell’epoca.