MANIFESTO

#63

CHANGE OF SPACE

drift of the dawn

2022.10.03

Text by Guia Ortolani

Un rave nel deserto all’insegna di una praticità lussuosa. Una collezione incentrata sull’abbigliamento performante, presentata attraverso una suggestiva ambientazione di dune sabbiose. Qui l’eleganza decorativa incontra la funzionalità.

La direttrice creativa Nadège Vanhee-Cybulski abbraccia il viaggio di lusso, una fuga all’aria aperta per una donna di città con un look utilitaristico. “Quando si balla si desidera solo lasciare libero il corpo. Siamo stati così confinati che volevo davvero celebrare il ritorno all’aria aperta, sentendo il vento, il calore, il sudore sulla pelle”, afferma la designer. Il risultato è una collezione basata su elementi tecnici e performativi, a cui Vanhee-Cybulski ha comunque saputo conferire un senso di leggerezza, senza renderla troppo utilitaristica.
 Si tratta del ritorno a una vita nel cuore della natura, un’ode alla danza nel deserto, dove i capi scelti sono caratterizzati dalle tonalità giallo ocra, ebano, beige sabbia, marrone Thar e rosso tramonto; la sfilata si apre con tute di pelle e giacche a vento in questi colori terrosi. Molti capi della collezione sembrano essere stati tagliati direttamente da una rete. “Ho attinto a tutti gli elementi della tenda, dell’amaca, tutto ciò che è legato alle attività all’aperto”, ha detto la direttrice creativa, richiamando i dettagli da trekking dei look, in parte funzionali e in parte decorativi.

“Era il momento di uscire, lasciarsi andare e celebrare l’unione e la libertà, al di là dello spazio e del tempo, e semplicemente…viaggiare!”.

– Nadège Vanhee-Cybulski

Tra i pezzi tecnici vi sono un impermeabile con retro in tessuto tecnico e rete traspirante, e un poncho antipioggia con cappuccio realizzato in morbida pelle; dettagli tra i quali i cordoncini elastici simili alla corda da arrampicata, usati per tenere insieme gli abiti, ed abiti sottili con cerniere facili da usare per un look personalizzabile. Alcuni di essi ricordano, per tutta la loro estensione, lo sventolio di una bandiera. Le scarpe, sandali con plateau rialzato che danno l’impressione di camminare sull’aria, aggiungono un tocco fantascientifico alla sfilata e un certo taglio moderno. “Pierre voleva spingere l’idea di fluttuare nello spazio”, ha detto Vanhee-Cybulski, riferendosi a Pierre Hardy che disegna le calzature, “così ha progettato queste scarpe in carbonio che vanno oltre la gravità”. Quando la serata raggiunge il suo apice, la donna Hermès avvolta in un abito stampato in 3D che associa i suoi movimenti alle linee del suo corpo, porta finalmente con sé, sulla sua persona, questo emozionante viaggio interiore iniziato con gioia.  Un bivacco, una danza, e ovunque questa sensazione di immensità… Una collezione caratterizzata da silhouette sofisticate e pulite, capi contemporanei e raffinati, pesi leggeri e abiti grafici stampati che creano illusioni ottiche sul corpo.

Zoë CONFIDENTIAL

2024.07.15

Zoë è il nuovo libro dedicato a Zoë Kravitz attraverso la lente di Henrik Purienne, frutto di una collaborazione con Anthony Vaccarello in omaggio alla propria musa.

EXHIBITION

The joy of photography

2024.07.11

Fotografata nell’arco di tredici anni, la serie The British Isles di Jamie Hawkesworth documenta l’interezza dei luoghi, l’architettura e gli abitanti del suo paese natale.

CULTURE

LET'S PLAY AGAIN

2024.07.05

PLAY, un’opera collaborativa che unisce le prospettive di tre partecipanti – una fotografa, una performer e una stylist – che si fondono e generano nuove e inaspettate forme del corpo in movimento che, liberato da ruoli fissi, si evolve pagina dopo pagina.

HORIZON

2024.07.04

Kevin Costner torna al cinema. Immaginato già nel 1988, il film è un pellegrinaggio emotivo attraverso il lungo e complesso periodo di espansione e insediamento del West americano, prima e dopo la Guerra Civile.

NEWS

PRADA CHOOSES ETERNITY

2024.07.02

Le catene si reinventano in spessori, pesi e combinazioni inedite nei nuovi gioielli della collezione Prada Fine Jewelry Eternal Gold: interamente sostenibile, integra materiali e pratiche responsabili alle tecniche manifatturiere della tradizione.